La musica del cuore. Una frase all’apparenza, ma che potrebbe avere un fondamento scientifico o quasi. E se Ludwig Van Beethoven nel comporre alcuni dei più grandi capolavori musicali di tutti i tempi stesse letteralmente seguendo il suo muscolo cardiaco? La suggestiva ipotesi è avanzata in uno studio pubblicato sulla rivista Perspectives in Biology and Medicine e che ha coinvolto un team di ricercatori dell’Università del Michigan e di quella di Washington, che include un cardiologo, uno storico della medicina e un musicologo.

I ritmi presenti in alcune delle più famose opere del geniale autore tedesco potrebbero essere stati ispirati dal battito del suo cuore spiegano gli studiosi, al punto che è possibile rilevare in alcune anche un “andamento irregolare” che rifletterebbe proprio quello del cuore del compositore, che soffriva di aritmia cardiaca, una patologia che porta il cuore a battere molto veloce o molto lento, con un ritmo per l’appunto irregolare”. La musica di Beethoven è sia metaforicamente che fisicamente accorata” spiega il co-autore dello studio, Joel Howell, professore di Medicina Interna dell’Università del Michigan.

“Quando il cuore batte in modo irregolare a causa di alcune malattie cardiache, lo fa in alcuni schemi prevedibili – aggiunge – crediamo di aver riscontrato alcuni di quegli stessi modelli nella sua musica”. Un esempio? Il quinto movimento del quartetto per archi numero 13 in si bemolle maggiore denominato “Cavatina“, l’Opus 130, un pezzo emozionante di cui lo stesso Beethoven diceva sempre lo faceva piangere. Nel mezzo del quartetto, la chiave cambia improvvisamente in do bemolle maggiore, portando a un ritmo squilibrato che evoca forte emozione disorientamento e una sensazione che è stata anche descritta come una “mancanza di respiro“.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kepler trova pianeti gemelli della Terra: “In zona compatibile con la vita”

next
Articolo Successivo

Poker Texas Hold’em, è un computer il miglior giocatore al mondo

next