Le stime di altri istituti metereologici sono state confermate dall’Agenzia meteorologica giapponese (Jma): il 2014 è stato l’anno più caldo dal 1891. I dati diffusi dagli esperti nipponici parlano di un costante riscaldamento della Terra. Senza l’effetto “El Niño“, la più nota causa di variabilità periodica delle condizioni meteorologiche e climatiche a scala globale, la temperatura è salita di 0,63 gradi rispetto alla media del XX secolo e, su un periodo più lungo, il balzo è stato quantificato dall’agenzia giapponese di circa 0,70 gradi per secolo. Un aumento drastico che ha fatto sì che il 2014 diventasse l’anno più caldo degli ultimi 123 anni.

Quello che ancora non si è stati capaci di accertare, scrive Andrew Freedman su Mashable, uno dei più importanti blog americani, è quale sia, tornando indietro nel tempo, l’anno in cui si sono registrate temperature tanto alte. Il 1891, infatti, non è altro che l’anno in cui si è iniziato a monitorare le condizioni termiche della Terra. Altri studi che prendono in esame, ad esempio, i cerchi concentrici degli alberi e la struttura dei coralli, riportano che non si registravano temperature così alte da circa 4mila anni. “Altri dati – continua Freedman – dicono che non si sono mai raggiunti tali livelli di calore in tutta la storia dell’umanità”.

La Japan Meteorological Agency è la prima delle quattro principali agenzie del pianeta a rilasciare l’elaborazione dei dati sul riscaldamento globale relativo allo scorso anno. Dagli altri tre enti, le americane Nasa e National Oceanic and Atmospheric Administration e la britannica Hadley Center, ci si aspetta una conferma generale sul preoccupante trend verso l’alto delle temperature nel corso dell’ultimo secolo. Un fenomeno in aumento dal 1891 e il 2014 è solo l’ultima tappa: tutti i 10 anni più caldi sono stati registrati dal 1998. Sempre secondo la Jma, il 2014 è risultato più caldo di 0,27 gradi sui valori medi del periodo 1981-2010.

Già lo scorso mese l’Organizzazione Meteorologica Mondiale (Omm), agenzia specializzata delle Nazioni Unite, si era espressa negli stessi termini, presentando un report, in occasione della ventesima Conferenza Onu sul clima di Lima. “Il 2014 anno record assoluto di caldo – si poteva leggere nel rapporto – è dovuto fondamentalmente alle alte temperature mondiali, senza precedenti, sulla superficie del mare, che molto probabilmente si manterranno al di sopra della norma fino alla fine dell’anno”. Questi fattori hanno contribuito, insieme ad altri, all’esistenza di “precipitazioni ed inondazioni eccezionalmente intense in alcuni paesi, e siccità estrema”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Decreto Ilva: “Commissario penalmente non punibile per attuazione piano”

prev
Articolo Successivo

Viadotto Scorciavacche: i lavori pubblici crollano per mancanza di etica e qualità

next