Gianfranco Zola è il nuovo allenatore del Cagliari. Lo ha annunciato il club sardo sul proprio sito ufficiale. Il neo tecnico, che prende il posto dell’esonerato Zdenek Zeman, guiderà la prima squadra a partire dal 28 dicembre, giorno della ripresa degli allenamenti al centro sportivo di Asseminello. “Nei prossimi giorni sarà comunicata la data della presentazione ufficiale del nuovo mister – ha fatto sapere la società rossoblu – Il ruolo di allenatore in seconda sarà ricoperto da Pierluigi Casiraghi. Entrambi metteranno la loro esperienza internazionale e la loro mentalità vincente a disposizione della società e della squadra per ottenere i risultati che tutti i tifosi del Cagliari si meritano”.

Gianfranco Zola, 48 anni, nuorese, ha avuto già due esperienze alla guida di un club, entrambe in Inghilterra: nel West Ham e nel Watford, dove fu sostituito da Giuseppe Sannino. È stato, inoltre, commissario tecnico della nazionale Under 16.

Da giocatore, riuscì a conquistare l’amore dei tifosi di Napoli, Parma e Chelsea. Nel 2004 decise di tornare nella sua Sardegna per chiudere la carriera con la maglia del Cagliari, la squadra che si appresta a guidare verso la salvezza.

Il neo presidente dei rossoblu, Tommaso Giulini, inizialmente aveva pensato a Walter Zenga per la sostituzione di Zeman, che ha pagato con l’esonero il terzultimo posto in campionato. L’ex portiere però aveva declinato l’invito: “Desidero ringraziare il presidente e tutto il Cagliari per aver pensato alla mia figura come guida tecnica ma, con dispiacere, sono costretto a declinare. In questo momento – ha scritto Zenga su Twitter –  per motivi professionali e personali intendo rimanere a Dubai per dare il mio contributo al movimento calcistico in questa parte del mondo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Supercoppa 2014, Juve-Napoli 7-8: ai rigori Rafael regala la coppa a Benitez

next
Articolo Successivo

Mario Balotelli scaricato dal Liverpool. L’allenatore: “Inadatto al nostro gioco”

next