Il taglio delle partecipate statali è rimasto fuori dalla legge di Stabilità. E oggi dai dati relativi al 2012 diffusi dall’Istat si scopre che sono quasi 2 mila, per la precisione 1.896, le partecipate pubbliche con zero addetti, tra le 7.685 imprese attive. Mentre  1.454 sono non attive. Dal report dell’Istituto di statistica risulta che nel 2012 nel nostro paese sono 11.024 le partecipate pubbliche, per un totale di 977.792 addetti. Il 25,6% delle unità analizzate nel rapporto è partecipato al 100% da soggetti pubblici, il 29,1% rientra in una forchetta compresa tra il 50% e il 99,9%, mentre il 27,1% risulta partecipato per una quota inferiore al 20%. La dimensione media delle imprese partecipate, fa sapere sempre l’Istituto di statistica, è di 124 addetti per impresa.

È la prima volta che l’Istat pubblica un rapporto sull’intero universo delle partecipate pubbliche, prima i ‘censimenti’ dell’Istituto di statistica si limitavano infatti alle controllate. Nella nota metodologica l’Istat spiega come la sua stima si sia avvalsa dell’utilizzo “integrato” delle basi di dati provenienti dalle “dichiarazioni sulla struttura delle partecipazioni rilevanti rese alla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (Consob)“; dalle “dichiarazioni degli elenchi dei soci delle società di capitale iscritti al Registro delle imprese, gestito dalle Camere di Commercio“; dalle “informazioni desumibili dai bilanci civilistici e consolidati delle società di capitale. E ancora, dalle “dichiarazioni dell’elenco dei consorzi e delle società a totale o parziale partecipazione da parte delle Amministrazioni Pubbliche registrate nella banca dati Consoc del Dipartimento della Funzione Pubblica”; nonché dalle “dichiarazioni relative alle partecipazioni detenute dalle amministrazioni pubbliche al Dipartimento del Tesoro (Mef)”; e, infine, dalle “dichiarazioni relative alle partecipazioni detenute da regioni, province e comuni alla Corte dei Conti“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stabilità, tecnici: “Sgravi Irap per società senza dipendenti a rischio infrazione Ue”

prev
Articolo Successivo

Milleproroghe, prime bozze: dalle assunzioni statali, alle opere pubbliche

next