La Guardia di Finanza avrebbe avviato una verifica fiscale individuale nei confronti di Sergio Marchionne, l’amministratore delegato del gruppo Fiat-Chrysler. A riportare le prime indiscrezioni in merito è il settimanale L’Espresso che sarà in edicola venerdì 5 dicembre. Al centro dell’istruttoria la residenza fiscale del manager italo-canadese nel cantone svizzero di Zug, dove è prevista una tassazione molto vantaggiosa per le persone fisiche.

L’indagine fiscale è diretta in sostanza a verificare se il domicilio di Marchionne in Svizzera si possa considerare effettivo in base alla legge italiana. La verifica individuale rientra nel programma generale di controlli mirati che in questi anni ha già coinvolto altri personaggi conosciuti e che ha convinto alcuni, come l’asso del motociclismo Valentino Rossi, a riportare la residenza fiscale in Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Assicurazioni, vigilanza Ivass: “Prudenza con dividendi e bonus”

prev
Articolo Successivo

Pensioni, Istat: il 41% prende meno di mille euro. Nuovi beneficiari più poveri

next