Dalle Marche alla Lituania. È un viaggio cominciato dieci anni fa quello di Claudio Santori, 37 anni da compiere e molti sogni da realizzare. La strada per arrivare alla capitale Vilnius è stata lunga e ha incluso una sosta a Helsinki, in Finlandia, cinque anni di vita per migliorarsi nel suo lavoro. “Sono originario di Serra San Quirico, un paesino di tremila abitanti in provincia di Ancona – racconta a ilfattoquotidiano.it – e fin da piccolo ho sempre avuto voglia di esplorare nuovi mondi”. Dopo due anni di studi economici nelle Marche, Claudio decide di trasferirsi a Roma, dove inizia a creare siti web. Nel 2004 si laurea in Economia e Commercio poi a Scienze della Comunicazione: “A pochi esami dalla laurea ho deciso di trasferirmi a Helsinki, dove sono rimasto fino al 2011 – spiega-. Volevo crescere e mettermi alla prova con nuove sfide. E poi in Italia c’è troppa burocrazia, avevo l’impressione che l’unico talento apprezzato fosse quello di compilare moduli”.

L’obiettivo è ancora quello: imparare a conoscere e a sfruttare tutte le potenzialità del web, trasformandolo in una professione duratura. “In Finlandia mi sono mantenuto gestendo i siti web dei miei clienti italiani e pubblicando tre libri su Amazon”, ricorda. Eppure, tra un clic e l’altro, Claudio trova il tempo anche per un’altra passione: “Ho scoperto il ballo e sono diventato insegnante di Lindy Hop a livello internazionale”. Un interesse che ha rivoluzionato la sua vita: “Proprio grazie alla danza ho conosciuto una ragazza lituana che nel 2011 mi ha convinto a trasferirmi a Vilnius”, racconta. Con il nuovo Paese è stato subito amore: “In Finlandia sono molto pratici ma poco creativi, c’è poco spazio per la flessibilità – spiega – mentre in Lituania ho trovato un buon mix: qui ci si emoziona ma si lavora sodo”.

Anche in questo caso Claudio non ha avuto bisogno di cercare un lavoro: “La mia fortuna è di aver creato una professione online, totalmente indipendente dalla mia posizione – ammette -, quindi me la sono portata dietro”. Di lì a pochi mesi la svolta; Claudio avvia una start-up, Bliu Bliu: “L’idea mi è venuta riflettendo sui risultati mediocri che stavo ottenendo con l’apprendimento del lituano”, ammette. Bliu Bliu, infatti, è un sito che permette a chiunque di imparare una lingua straniera con l’aiuto di notizie, canzoni, storie e barzellette scritte e pronunciate nell’idioma selezionato: “Spesso i libri sono troppo difficili e le conversazioni impossibili da capire – spiega Claudio – per questo la piattaforma colleziona le parole che l’utente conosce proponendo contenuti adeguati”. Il motto, infatti, è “impara le lingue in modo divertente”. “Al momento abbiamo 200mila iscritti e siamo presenti in diverse nazioni, – racconta – ma siamo ancora in fase di decollo”.

Il suo impegno prosegue anche in giro per l’Europa: “Da alcuni mesi vado nelle università per spiegare ai giovani come dar vita a una start up e sempre con alcune conferenze aiuto il governo lituano nella formazione dei ragazzi interessati a questo mondo”, spiega. Ma restando nel nostro Paese tutto questo sarebbe stato possibile? Claudio è dubbioso: “Non conosco bene la realtà italiana, – ammette – ma da quello che vedo c’è grande confusione e troppi cavilli burocratici, quando il segreto di una start up sta proprio nella sua leggerezza e nella capacità di cambiare il mondo con poche risorse”.

In Italia questo concetto viene spesso utilizzato in maniera inappropriata: “Ormai anche una gelateria è considerata una start up”, spiega. Eppure agli occhi di Claudio il nostro Paese conserva intatto il suo fascino: “Torno sempre volentieri e ogni volta rimango incantato dal calore della gente – spiega -. Gli italiani sanno leggere le persone e aiutare prima ancora che qualcuno chieda aiuto, ma spesso questo talento ci rende maestri nel fare i furbi”. Per questo consiglia ai giovani di fare almeno un’esperienza all’estero, evitando le mete più frequentate: “Dimenticate Londra e Dublino, ci sono troppi italiani – spiega -. Per vivere un’esperienza autentica è meglio scegliere un posto più piccolo”.

Claudio non esclude di tornare, ma al momento il suo futuro è a Vilnius. È troppo presto per sapere se si tratta di una tappa intermedia o di un punto di arrivo, il sogno nel cassetto, però, richiama l’atmosfera italiana: “Una casa in campagna, dell’ottimo vino e gli amici di sempre”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Londra, non chiedete un caffè!

prev
Articolo Successivo

Londra, stretta su immigrati Ue: “Niente welfare per 4 anni e rimpatri disoccupati”

next