Littizzetto? Mi fanno più ridere Crozza e Ballantini. L’ironia di certa sinistra pagata centinaia di migliaia di euro mi fa girare le palle”. E’ il piccato commento rilasciato dal segretario della Lega, Matteo Salvini, durante il talk show di approfondimento politico “Quinta Colonna”, su Rete4. Il leader del Carroccio, ospite unico di Paolo Del Debbio, risponde a svariate domande del conduttore ed esprime il suo giudizio al vetriolo sull’attrice e cabarettista torinese, che, nella ultima puntata di “Che tempo che fa” (Rai Tre), ha ironizzato sulla compagine leghista e sul suo segretario. Nel corso della trasmissione, sono stati mandati in onda che alcuni rvm d’antan, che ritraggono Salvini in età giovanile: dalle sue partecipazioni a quiz televisivi di Mediaset, come “Doppio Slalom” e “Il pranzo è servito” fino agli anni in cui militava nei Comunisti Padani. Viene proposto un filmato in cui l’europarlamentare leghista, a 20 anni, descrive il programma del suo movimento, finalizzato a “soppiantare Bertinotti e D’Alema nella Padania”, e mostra orgoglioso la sua spilletta immortalante Che Guevara dietro il quale spicca, ironia della sorte, uno stendardo tinteggiato di rosso, bianco e verde  di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Regionali 2014, Matteo Salvini re dei talk: oltre agli ascolti porta voti

prev
Articolo Successivo

Editoria, Santanché mette nel carniere anche la concessionaria del Giornale

next