g20capidigovernoIn questi giorni sui media diversi commentatori e commentatrici si lamentano del fatto che Renzi non si faccia vedere a Genova, né in tutti i luoghi alluvionati. E non faccia capolino nelle periferie di Milano e Roma, né in tutti i luoghi in cui si accendono focolai di “guerra fra poveri”, come viene chiamata. Perché Renzi non va a trovare gli alluvionati, i poveracci, i disperati? Tento qualche risposta.

Perché i poveracci e i disperati non sono elettori di Renzi, né del Pd: non lo sono mai stati né lo saranno. Probabilmente non vanno a votare e non hanno mai votato. Se per caso in passato erano meno poveracci e meno disperati, forse hanno votato qualcosa, ma certo non hanno più voglia di votare adesso. E se votassero ora, voterebbero Lega, Fratelli d’Italia, o qualche partituncolo di destra. Quanto agli alluvionati, alcuni di loro hanno certo votato Pd e magari lo stesso Renzi, ma oggi diciamoci la verità: lo rifarebbero? Penso di no, nemmeno se Renzi andasse a trovarli. Vogliono fatti, non parole. Soldi per la ricostruzione, non visite. Subito.

Perché qualunque politico si presenti in quei luoghi viene trattato in malo modo e accusato di fare passerella a fini elettorali. Persino il Movimento 5 Stelle non è gradito da quelle parti: vedi come è stato accolto Grillo nella sua stessa Genova, vedi come è stata trattata Paola Taverna a Tor Sapienza. Figuriamoci cosa accadrebbe a Renzi se si presentasse da quelle parti.

Perché lo stile di comunicazione di Renzi, la sua stessa fisicità e gestualità non sono adatti a un contesto di povertà e scontri sociali: qui le pacche sulla spalla, gli ammiccamenti, le battutine con accento toscano non funzionano, anzi diventano un boomerang, perché appaiono immediatamente moine ipocrite, vacue, inadeguate. E potrebbe venire il dubbio, vedendoli in foto e in televisione, che siano tali anche in altre situazioni. Per carità, Renzi non può rischiare.

Perché da nessuna parte al mondo i capi di governo si presentano nelle periferie delle metropoli, dove i poveri si ammazzano fra loro. Perché in tutto il mondo i disperati non votano, non hanno nulla a che vedere con la politica, che non li rappresenta, non li vuole, fa come se non ci fossero. Finora la realtà economica e sociale italiana ci aveva dato l’illusione che da noi le cose fossero diverse, che da noi la politica non fosse così lontana dalle realtà più degradate e dure del paese. Non è più così, e lo stiamo vedendo: le nostre città più grandi somigliano sempre più alle metropoli di tutto mondo, per divario fra ricchi e poveri, per violenza e scontri sociali. È il mondo globalizzato, care italiane e cari italiani, facciamocene una ragione: la politica da una parte, a fare passerelle con koala e capi di Stato, gli alluvionati, i poveracci, i disperati da tutt’altra parte.

Due mondi separati, lontani, lontanissimi fra loro. E questo Renzi lo sa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria e il video-bufala del bambino eroe: la disinformazione ai tempi di YouTube

next
Articolo Successivo

Tv: sono stata ‘La famiglia Auditel’

next