Il procuratore generale di Roma Luigi Ciampoli ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta sulle rivelazioni dell’ex ispettore di polizia Enrico Rossi che aveva ipotizzato la presenza di agenti dei servizi segreti, a bordo di una moto Honda, in via Fani, a Roma, quando Aldo Moro fu rapito dalle Brigate Rosse.

Il pg, che aveva avocato l’inchiesta, riferirà domani, alle 14.30, i particolari emersi nel corso delle indagini preliminari, che aveva avocato, durante una audizione alla Commissione Moro. Secondo quanto si è appreso, l’attività investigativa derivata dalle dichiarazioni di Rossi – durante la quale sono state ascoltate decine di persone, compresi alcuni ex brigatisti – non ha consentito di identificare chi erano i due a bordo della Honda.

L’ex ispettore aveva raccontato che, quando era in servizio alla Digos di Torino, dopo una lettera anonima, aveva svolto una perquisizione il cui esito faceva ipotizzare una possibile presenza in sella alla moto Honda di due uomini dei servizi che il 16 marzo 1978 avevano il compito di proteggere l’azione delle Brigate Rosse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riccardo Magherini, chiesto il rinvio a giudizio per carabinieri e uomini del 118

next
Articolo Successivo

Riforma della Giustizia: per ora solo flebili vagiti

next