Silvio Berlusconi esce da Palazzo Chigi dopo l'incontro con Matteo RenziAncora un tete à tete tra Matteo e Silvio, sempre accompagnato da Gianni Letta e Denis Verdini che, nonostante il rinvio a giudizio insieme a Nicola Cosentino come factotum della P3, rimane il vero regista della “riforma inderogabile da fare prestissimo” secondo Renzi.

Si tratta del quinto incontro e sempre per girare attorno ai soliti nodi della legge elettorale: soglia di sbarramento che sarebbe salita al 5%, premio di maggioranza che sarebbe lievitato al 40% per la lista e non più per la coalizione e infine preferenze sempre in altissimo mare e con l’insuperabile diktat berlusconiano che non dispiace per nulla a Renzi dei capilista bloccati, cioè nominati.

Altre due ora e mezza di Renzi accordate al tandem Berlusconi-Verdini con il Letta-zio quale garante di spessore “istituzionale” per concordare cosa? Dagli ambienti strettamente renziani l’incontro viene definito “interlocutorio” e cioè poco concludente e quello che sembra evidente è che mentre Renzi è quantomai interessato ad accelerare, Berlusconi è altrettanto determinato a rallentare.

Insomma l’incontro per “rinverdire” l’Italicum con il sempreverde Verdini che nel Pd sembra imbarazzare solo i soliti “gufi” e/o “ferrivecchi” come Civati e Rosy Bindi, ha confermato che Berlusconi “prende tempo” dato che la sola ipotesi di voto anticipato nelle condizioni miserevoli di FI lo atterrisce.  E contemporaneamente il probabile innalzamento al 5% per i partiti non coalizzati che serve a Berlusconi per ridurre a miti consigli i piccoli ha indotto il Ncd di Alfano a chiedere la vecchia, mai rottamata verifica di governo.

Probabile che in quelle due ore e mezza si sia toccato anche il tasto vergognoso della paralisi sulla Consulta determinata dall’arroganza e dalla protervia di imporre il patto del Nazareno anche per il voto che la Costituzione ha messo al riparo dagli inciuci e dai patti a due lontani da sguardi indiscreti.

L’impasse sull’Italicum (con annessi e connessi) che rimanda allo scorno di D’Alema con la Bicamerale di triste memoria e la telenovela  della Consulta per l’ostinazione del Pd a rimanere appeso a Luciano Violante e per i veti insuperabili di FI su un nome decente (vedi la Sandulli silurata in quanto di dubbia fedeltà berlusconiana) basterebbero per suggerire a Renzi di essere meno furbo e più trasparente.

Ha a portata di mano l’occasione, per una volta, data l’apertura del M5S alla candidata presentabile proposta in extremis dal Pd di fare una scelta coerente con tutte le dichiarazioni di discontinuità e di trasparenza con cui si riempie la bocca e di mettere con le spalle al muro Berlusconi e la sua guardia scelta. E già che c’è farebbe bene a considerare pacatamente e serenamente il cul de sac in cui si è infilato dopo i cinque rendez-vous con Silvio, Denis e Gianni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Giustizia, Pd vota con M5s. Sacconi (Ncd): “Mi dimetto”. Poi ci ripensa

next
Articolo Successivo

La vera storia di Renzi & Berlusconi. Lo zio in affari con Fininvest

next