Battibecco a Ballarò (Rai3) tra il capogruppo di Forza Italia, Renato Brunetta, e il conduttore Massimo Giannini. Il deputato parla della recente polemica tra Junker e Renzi: “Junker si e’ irritato e anche tanto. In Europa non si va in questa maniera, citando Telemaco, parlando a braccio, dicendo le cose più strampalate”. La replica di Giannini: “Io le ricordo onorevole che non si va neanche come ci andava Berlusconi”. E subito piccata la controreplica del forzista: “Se lei facesse il conduttore invece del contraddittore, io c’ero in quell’Aula e Schulz ha insultato il presidente di turno che era Berlusconi. Lei si è vantato di essere fazioso come lo era a Repubblica, io penso che la faziosità non sia una virtù, però contento lei”. Poi aggiunge: “Io ricordo gli eccellenti anni dei governi Berlusconi in questi ultimi 20 anni”. Giannini a questo punto fa una battuta-citazione a Renato Zero: “I migliori anni della nostra vita”. E Brunetta s’inalbera: “Lei faccia pure l’ironia, poi piagnucola al telefono dicendomi: ‘Vieni mi raccomando, devi venire alla mia trasmissione‘, dopodiché continua ad esser fazioso, a mettermi tutti contro qui in studio, a me non dispiace dico solo se vuoi fare il contraddittore con me fallo a tu per tu, non averne altri quattro che mi tengono fermo mentre tu mi meni, un po’ di fair play”  collaborazione di Gianfo Franchi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Midterm Usa, perché il modello Obama ha perso. E perché Renzi deve preoccuparsi

next
Articolo Successivo

Intelligence, big di Silicon Valley e tentazioni orwelliane di controllo

next