Battibecco a Ballarò (Rai3) tra il capogruppo di Forza Italia, Renato Brunetta, e il conduttore Massimo Giannini. Il deputato parla della recente polemica tra Junker e Renzi: “Junker si e’ irritato e anche tanto. In Europa non si va in questa maniera, citando Telemaco, parlando a braccio, dicendo le cose più strampalate”. La replica di Giannini: “Io le ricordo onorevole che non si va neanche come ci andava Berlusconi”. E subito piccata la controreplica del forzista: “Se lei facesse il conduttore invece del contraddittore, io c’ero in quell’Aula e Schulz ha insultato il presidente di turno che era Berlusconi. Lei si è vantato di essere fazioso come lo era a Repubblica, io penso che la faziosità non sia una virtù, però contento lei”. Poi aggiunge: “Io ricordo gli eccellenti anni dei governi Berlusconi in questi ultimi 20 anni”. Giannini a questo punto fa una battuta-citazione a Renato Zero: “I migliori anni della nostra vita”. E Brunetta s’inalbera: “Lei faccia pure l’ironia, poi piagnucola al telefono dicendomi: ‘Vieni mi raccomando, devi venire alla mia trasmissione‘, dopodiché continua ad esser fazioso, a mettermi tutti contro qui in studio, a me non dispiace dico solo se vuoi fare il contraddittore con me fallo a tu per tu, non averne altri quattro che mi tengono fermo mentre tu mi meni, un po’ di fair play”  collaborazione di Gianfo Franchi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni Midterm Usa, perché il modello Obama ha perso. E perché Renzi deve preoccuparsi

prev
Articolo Successivo

Intelligence, big di Silicon Valley e tentazioni orwelliane di controllo

next