Undici immobili e numerosi rapporti finanziari. Valore complessivo: 20 milioni di euro. E’ questo l’ammontare del patrimonio confiscato dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma ai coniugi Andrea Cappelli e Anna Iannuzzi, già nota come Lady Asl. La confisca arriva dopo la richiesta della Procura di Roma che aveva già ordinato il sequestro, nell’estate 2013, del patrimonio dei coniugi, ritenuti socialmente pericolosi poiché stabilmente dediti ad attività delittuose sin dal 1997. Inoltre, è stata evidenziata una netta sproporzione tra il patrimonio accumulato negli anni e il reddito dichiarato al Fisco.

La coppia era già nota alle cronache perché al centro dell’indagine della Procura di Roma che, tra il 2005 e il 2009, fece emergere un sistema di corruzione nella sanità laziale, basato sul coinvolgimento di diversi funzionari pubblici delle Asl romane e sull’indebita erogazione di milioni di euro a società fantasma, riconducibili proprio a Cappelli e Iannuzzi. Lady Asl e consorte avevano dunque subito un primo sequestro di beni per un ammontare di 40 milioni di euro ed erano stati condannati (con sentenza definitiva) per associazione a delinquere, falso materiale, corruzione, truffa aggravata e frode processuale. I beni sequestrati erano poi stati restituiti al Servizio Sanitario Regionale del Lazio.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cortei, pronte nuove regole per la polizia: “Evitare il contatto con i manifestanti”

next
Articolo Successivo

Adro, l’opposizione si dimette in blocco: “Con sindaco Lancini democrazia sospesa”

next