Undici immobili e numerosi rapporti finanziari. Valore complessivo: 20 milioni di euro. E’ questo l’ammontare del patrimonio confiscato dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma ai coniugi Andrea Cappelli e Anna Iannuzzi, già nota come Lady Asl. La confisca arriva dopo la richiesta della Procura di Roma che aveva già ordinato il sequestro, nell’estate 2013, del patrimonio dei coniugi, ritenuti socialmente pericolosi poiché stabilmente dediti ad attività delittuose sin dal 1997. Inoltre, è stata evidenziata una netta sproporzione tra il patrimonio accumulato negli anni e il reddito dichiarato al Fisco.

La coppia era già nota alle cronache perché al centro dell’indagine della Procura di Roma che, tra il 2005 e il 2009, fece emergere un sistema di corruzione nella sanità laziale, basato sul coinvolgimento di diversi funzionari pubblici delle Asl romane e sull’indebita erogazione di milioni di euro a società fantasma, riconducibili proprio a Cappelli e Iannuzzi. Lady Asl e consorte avevano dunque subito un primo sequestro di beni per un ammontare di 40 milioni di euro ed erano stati condannati (con sentenza definitiva) per associazione a delinquere, falso materiale, corruzione, truffa aggravata e frode processuale. I beni sequestrati erano poi stati restituiti al Servizio Sanitario Regionale del Lazio.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cortei, pronte nuove regole per la polizia: “Evitare il contatto con i manifestanti”

prev
Articolo Successivo

Adro, l’opposizione si dimette in blocco: “Con sindaco Lancini democrazia sospesa”

next