“È assurdo criminalizzare quelli che comprano auto di lusso perché sono loro che finanziano lo sviluppo e la ricerca”. Naturalmente a parlare è un uomo di marketing di un marchio premium, Eugenio Blasetti di Mercedes Italia. Ma il principio è fondato e la conferma – non certo l’unica – è che la Classe C 300 BlueTEC Hybrid beneficia del trasferimento tecnologico direttamente dalla Formula 1, dove le saette di Stoccarda pilotate da Hamilton e Rosberg competono su altri livelli. Il prezzo italiano di questa berlina ibrida diesel è di 48.207 euro (49.915 per la wagon), ovvero quasi 14.000 più della versione “base” (C180 BlueTEC) e 3.000 in più rispetto alla versione con lo stesso motore termico. Bisogna ancora pazientare prima che i risultati di ricerca e sviluppo, per i quali a Stoccarda vengono investiti 5,6 miliardi di euro l’anno, arrivino su modelli acquistabili da chi ha il conto in banca meno “gonfio”.

La particolarità del sistema ibrido Mercedes è l’abbinamento tra l’unità elettrica ed il motore diesel da 2.143 centimetri cubici. Il medesimo sistema è disponibile su Classe E e sull’ammiraglia Classe S, che è anche plug-in e accreditata di 33 chilometri di autonomia a zero emissioni. Il costruttore tedesco sta accelerando sulle energie pulite: in media, i modelli venduti nel 1995 emettevano 200 g/km di CO2, oggi è a quota 134 e nel mirino ha un altro 28% in meno entro il 2020, anche perché lo impongono le normative comunitarie. Oggi propone sia modelli a idrogeno, almeno là dove si può fare rifornimento, e la Class B Electric Drive, grazie alla collaborazione con Tesla. Ed entro il 2017 debutteranno altri 10 nuovi modelli ibridi plug-in.

Mercedes C300 hybrid

In pista, a Modena, la filiale italiana della casa si Stoccarda ha invitato i giornalisti a misurarsi in una gara a chi contiene di più i consumi su due giri di pista in non più di 5 minuti. Il trucco era tenere una velocità bassa e non perdere di vista il quadrante tramite cui si monitorano i consumi ed il livello di carica della batteria, che deve essere ottimale per essere d’aiuto. A fine giornata c’è stato chi ha fatto persino meglio del dato di omologazione, ma la prova, pur interessante, ha poco a che fare con l’utilizzo reale. In elettrico la percorrenza è “limitata” dice Mercedes: praticamente nulla ed in ogni caso a non più di 35 chilometri all’ora. E solo esercitando una pressione molto prudente sul pedale dell’acceleratore. Il supporto dell’ibrido si avverte soprattutto nella funzione “sailing”, che significa “veleggiare” mantenendo la velocità di crociera: in quel caos il motore termico viene spento e l’unità elettrica consente di mantenere l’abbrivio. In versione “Plus”, questa modalità è ancora più spinta ed il recupero dell’energia ridotto al minimo in modo da consentire un avanzamento più prolungato. Si tratta di possibilità che implicano una guida molto ragionata e lungimirante, non solo in discesa ma anche in fase di avvicinamento a semafori, incroci o segnali che impongono una diminuzione della velocità. In sintesi i vantaggi in termini di consumo ci sono, ma  non derivano dalla semplice presenza dell’unità ibrida: bisogna guadagnarseli.

Mercedes C hybrid tecnica

Classe C300 BlueTEC Hybrid – la scheda

Che cos’è: la Mercedes-Benz Classe C300 BlueTEC Hybrid è il primo modello premium a offrire un’alimentazione a gasolio abbinata ad una elettrica. Con i suoi 231 CV, la Hybrid è anche la più potente Classe C a listino
Che cosa cambia rispetto al “vecchio” modello: la precedente Classe C non aveva una versione ibrida. In generale, la nuova generazione della Classe C è stata allungata di 10 centimetri (4,69 metri) ed è stata alleggerita di un centinaio di chilogrammi grazie al massiccio impiego di alluminio. In realtà, la versione ibrida pesa 1,765 tonnellate contro i 1,595 della versione diesel “semplice” C 250 BlueTEC. Esteticamente gli aggiornamenti sono in linea con il riposizionamento della marca, che strizza con decisione l’occhio ad una clientela più giovane
Concorrenti principali: in teoria BMW Serie 3 e Audi A4, che però non hanno una versione ibrida paragonabile
Dimensioni: 4,67 metri di lunghezza (4,77 per la wagon), 1,81 metri larghezza, 1,44 metri di altezza, 2,8 metri il passo
Bagagliaio: 435 litri
Massa: 1.765 chilogrammi
Motore: il sistema ibrido è la combinazione tra il motore a gasolio a 4 cilindri da 2.143 cc da 204 cavalli abbinato all’unità elettrica da 27 (20 kW) da 500 Nm di coppia massima. Questo modello non è guidabile dai neopatentati
Cambio: automatico 7G-Tronic Plus
Trazione: posteriore
Consumi: nel ciclo combinato viene dichiarata con una percorrenza massima fino a quasi 27,8 chilometri per litro (3,6 litri/100 km). Nella prova su pista – una sfida al risparmio – c’è stato anche chi è riuscito a spingerla fino 32,25. La C300 Hybrid è accreditata di emissioni di CO2 di 94 g/km (un valore conseguito con cerchi e pneumatici di dimensioni ridotte rispetto a quelle disponibili senza sovrapprezzo, precisa il costruttore)
Piace: il nuovo stile di Mercedes-Benz, meno conservativo e più giovanile, la soluzione tecnologica che abbina il motore a gasolio con quello elettrico, la precisione dello sterzo, l’elevato comfort degli interni e la sicurezza perché la Classe C ha ottenuto le cinque stelle EuroNcap anche con i nuovi e più severi parametri che sono costati diversi punti ad altri modelli (tuttavia per diversi sistemi occorre mettere mano al portafoglio)
Non convince: la praticamente inesistente autonomia in modalità elettrica (la soluzione serve sopratutto in funzione “sailing” per mantenere l’andatura quando si viaggia a velocità costante), la visibilità posteriore è penalizzata dalle dimensioni del lunotto sacrificato al design ed
all’aerodinamica, il bagagliaio perde 45 litri di capacità (la berlina “termica” ne ha 480)
Produzione: per l’Europa in Germania, a Brema
In vendita: già ordinabile
Prezzi: da 48.207 euro

Mercedes C hybrid interno

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Opel Corsa 2014, la prova del Fatto.it – La quinta serie cambia dove serve

next
Articolo Successivo

Hyundai ix20 a Gpl, prova d’uso quotidiano – La monovolume da città

next