Per tutti i gusti e per tutti i portafogli, ma con un minimo comune denominatore: l’acquisto di vini e cibo si fa dalla tastiera del computer o da quella del tablet. Si presenta così eBay Gusto, la nuova sezione della piattaforma di vendita e acquisto online nata nel 1995. Pare infatti che l’enogastronomia sia diventata un settore di punta per l’ecommerce e a supportarlo ci sono i dati di una ricerca Ipsos commissionata dalla stessa eBay.

Il mondo dell’enogastronomia, su eBay.it, è in crescita, registrando un aumento complessivo del 23 per cento rispetto al 2013. Inoltre, 65 italiani su 100 hanno dichiarato di essere alla ricerca di ispirazione sul web prima dell’acquisto di prodotti alimentari. Maggiormente attivi negli acquisti a carattere enogastronomico – c’era da aspettarselo – durante il periodo pre-natalizio, lo scorso anno sono la crescita in questo settore è passata dal +31% di novembre al +47% di dicembre. Rimanendo nell’ambito dei numeri, si tratta di un prodotto al minuto, relativo a vini e gastronomia, venduto nel 2013.

Con un’offerta di oltre 265 mila prodotti enogastronomici in vendita attualmente, eBay Gusto è nata per diventare un punto di riferimento per brand e consumatori. Lo scorso maggio l’azienda ha sottoscritto, con il ministero delle Politiche Ambientali, Agricole e Forestali e l’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche, il protocollo per la tutela delle produzioni DOP e IGP. L’obiettivo del lancio della nuova sezione dedicata al gusto è duplice: valorizzare le eccellenze del made in Italy e promuovere la cultura del cibo di qualità.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cibus Tec Food Pack: conservare gli alimenti è importante quanto consumarli

prev
Articolo Successivo

Halloween vs Festa dei morti, viaggio nella tradizione dolciaria regionale

next