Tre vittorie fondamentali, per uscire dal tunnel o confermare l’ottimo momento di forma. Nei posticipi delle 18 Napoli, Inter e Lazio vincono, pur con prestazioni e risultati differenti. La squadra di Benitez, con temperamento e di rimonta, dilaga 6-2 in casa contro il Verona, trascinato da Higuain e Hamsik. I nerazzurri salvano la panchina di Mazzarri vincendo solo 1-0 a Cesena, grazie ad un rigore ed in superiorità numerica per quasi un’ora, con una prestazione opaca che conferma quanto profonda sia la crisi della squadra. Convince invece la Lazio, che supera 2-1 all’Olimpico il Torino. Per tutte il sogno terzo posto è ancora vivo: anche se i tre punti non risolvono i problemi dell’Inter, e neppure cancellano del tutto i limiti del Napoli.

FINALMENTE HIGUAIN: IL NAPOLI DILAGA – La rinascita di Gonzalo Higuain e Marek Hamsik, a segno rispettivamente con una tripletta e una doppietta, trascina il Napoli alla vittoria per 6-2 contro il Verona. Punteggio tennistico, che non rispecchia pienamente l’andamento di una gara a lungo combattuta. Subito sotto per un gran tiro al volo dell’islandese Haldredsson, i partenopei hanno il grande merito di non disunirsi in una situazione davvero complicata. Merito della grande prestazione degli attaccanti; e anche del pubblico del San Paolo, semivuoto (appena 25mila spettatori) ma più paziente del solito quando le cose non vanno. Per mezzora il Verona mette in difficoltà tatticamente i padroni di casa, grazie alla difesa a tre di Mandorlini: i partenopei tengono sterilmente palla con una manovra che non accelera mai, e sbandano sulle ripartenze scaligere.

Dopo aver rischiato di naufragare, il Napoli comincia a macinare gioco con più convinzione. Il Rafael del Verona, decisamente il migliore fra i due omonimi portieri in campo, salva in più occasioni, poi capitola su Hamsik, bravo ad inserirsi come ai vecchi tempi su un cross di Callejon. È sempre lo slovacco a completare la rimonta ad inizio ripresa, con due conclusioni a tamburo battente, la prima ancora respinta dal portiere brasiliano, la seconda in fondo al sacco. Non basta, perché i padroni di casa si complicano di nuovo la vita, concedendo il pareggio al talento di Nico Lopez. Serve allora che si sblocchi anche il pipita Higuain: l’argentino sigla il 3-2 che riporta in vantaggio i suoi, poi tocca a Callejon (capocannoniere in solitaria del campionato) sigillare il risultato, prima che il Napoli dilaghi negli spazi aperti ancora con il centravanti argentino. Il 6-2 finale è rotondo, vale tre punti e porta entusiasmo. Ma non cancella del tutto i problemi difensivi su cui Benitez ha tanto da riflettere.

INTER SALVATA DAGLI EPISODI – Vince anche l’Inter 1-0, che a Cesena trova quel che serve per scacciare i fantasmi: ovvero un avversario abbordabile e una gara fortunata, segnata più dagli episodi che dalla prestazione dei nerazzurri, ancora opaca. Rispetto alle ultime uscite, l’unico cambio per Mazzarri (quasi all’ultima spiaggia) è l’esclusione eccellente di Vidic: con Ranocchia spostato al centro, a destra si rivede Campagnaro, passato nel giro di un anno da pupillo di Mazzarri a separato in casa. Se non altro l’approccio è quello giusto, segno che la squadra rema ancora dalla stessa parte del suo allenatore, pur con grande fatica. Rispetto a sette giorni fa, cambia lo spessore degli avversari e un pizzico di fortuna.

Dopo un buon inizio nerazzurro e una fase di stallo, il match svolta alla mezzora. Palacio, ben imbeccato da Hernanes, sposta la palla in uscita a Leali che lo travolge: rigore (giusto) ed espulsione (eccessiva) del portiere, dal dischetto Icardi non sbaglia. In vantaggio di un gol e di un uomo, persino la fragile Inter di questi tempi trova la forza per tornare alla vittoria. Anche se il Cesena sfiora il pareggio in almeno tre occasioni. E nella ripresa c’è spazio solo per tanti errori, un gol giustamente annullato per fuorigioco a Campagnaro, tanta noia. Le buone notizie si fermano ai tre punti e alla buona prestazione di Hernanes in mezzo al campo: la difesa è ancora incerta, Kovacic di nuovo timido, Palacio l’ombra di se stesso. La crisi, insomma, è tutt’altro che superata, ma se non altro la classifica e Mazzarri respirano per qualche ora. Mercoledì contro la Sampdoria c’è un altro test, decisamente più attendibile: quest’anno i nerazzurri non hanno mai vinto due partite in fila.

LAZIO CONVICENTE – Continua a salire anche la Lazio del presidente Lotito, che dopo un avvio di stagione difficile mette la quarta: tanti sono infatti i successi consecutivi della squadra allenata da Stefano Pioli, che all’Olimpico supera anche il Torino. Gara spianata da due punizioni, una per tempo, di Biglia e Candreva; in mezzo la reazione degli ospiti e il pareggio di Farnerud. Dopo la splendida esecuzione dell’argentino, che sblocca il risultato al 16’ (grazie anche alla complicità della barriera che non salta come dovrebbe), i granata ci mettono un po’ a riorganizzarsi e a trovare il modo di sostenere in avanti Quagliarella. La squadra di Ventura è un diesel, carbura alla distanza e trova il pareggio ad inizio ripresa con lo svedese Farnerud, che approfitta della sagra dell’errore della difesa biancoceleste: prima Ciani sbaglia l’intervento e smarca lo svedese, poi anche Marchetti non è impeccabile sulla conclusione di prima intenzione. Dura poco: su un gran destro da fermo di Candreva, Gillet respinge corto e Klose insacca. Il tap-in del bomber tedesco lancia la Lazio al quinto posto, ad un solo punto da Sampdoria e Udinese. In attesa di Milan e Fiorentina questa sera, anche Lotito crede nell’Europa che conta.

Twitter: @lVendemiale https://twitter.com/lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sampdoria, Massimo Ferrero: “L’avevo detto a Moratti di cacciare il filippino”

next
Articolo Successivo

Milan – Fiorentina, i rossoneri non vanno oltre il pareggio. A Milano finisce 1-1

next