È morta la bambina di due anni individuata come primo caso di Ebola in Mali. Il ministero maliano della Sanità venerdì mattina aveva confermato il primo contagio, dopo che giovedì aveva annunciato che un caso sospetto era stato registrato nella città di Kayes, nel sud-ovest del Paese. La piccola era rientrata di recente da un viaggio in Guinea con la zia. La paziente era stata messa in quarantena all’ospedale di Kayes e, secondo il ministero, tutte le persone entrate in contatto con la piccola sono state prese in carico e trattate secondo le procedure previste. Le 43 persone che hanno avuto contatti con lei, tra cui 10 operatori sanitari, monitorati in isolamento.

Con questo contagio, il Mali si va ad aggiungere ai Paesi dell’Africa occidentale colpiti dal virus, che sta mietendo centinaia di vittime soprattutto in Guinea, Liberia e Sierra Leone, oltre ai casi registrati in alcuni Paesi occidentali. Due giorni fa, la Nigeria ha annunciato di essere totalmente “libera dal virus”.

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) tratta come “un’emergenza” la situazione in Mali perché la bimba già manifestava i sintomi della malattia, con perdite di sangue dal naso, ed era quindi contagiosa, durante il viaggio che ha compiuto in autobus con la nonna dalla Guinea al Mali, con numerose possibilità di esposizione per molte persone. “La massima vigilanza è essenziale”, aggiunge l’Oms.

Esperti dell’Oms erano già in Mali per aiutare il Paese a prepararsi a un eventuale caso importato, ma una squadra supplementare (per gestione clinica, epidemiologia, ricerca di contatti, la logistica e mobilitazione sociale) giungerà al più presto per accelerare le operazioni necessarie. La nonna, stando alle prime ricostruzioni, si era recata in Guinea per il funerale della madre della piccola. Il 19 ottobre, insieme alla bambina, si è messa in viaggio per tornare in Mali a bordo di mezzi pubblici attraverso Keweni, Kankan, Sigouri, e da Kouremale a Bamako, la capitale del Mali, dove sono rimaste per due ore prima di arrivare a Kayes (128 mila abitanti, a 600 km da Bamako).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nepal, cartolina da Kathmandu tra traffico e nuova Costituzione

prev
Articolo Successivo

Usa, studente spara a scuola poi si suicida. Gli avevano regalato fucile

next