“Dimissioni, dimissioni” il corteo degli arrabbiati parte da Piazza De Ferrari, sede della Regione Liguria,  lanciando slogan contro il sindaco Marco Doria e il governatore Claudio Burlando per raggiungere Palazzo Tursi, sede del municipio. Sono quasi 500 persone; tutti alluvionati che con la bomba d’acqua hanno perso auto, moto o subito ingenti danni alle loro abitazioni ed esercizi commerciali. Una delegazione viene ricevuta dal sindaco che promette l’azzeramento delle tasse comunali dall’anno prossimo per tutti coloro che hanno subito danni dall’alluvione del 9 e 10 ottobre. “La nostra priorità sono le dimissioni – spiega un manifestante – poi i lavori di bonifica di fiumi e torrenti”. Intanto la situazione si scalda, volano monetine, bottiglie d’acqua e qualche uova verso la sede del consiglio comunale  di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, Piano gela Ferrero: “Accanto al torrente Bisagno lo stadio non si può fare”

next
Articolo Successivo

Alluvione Genova, cittadini in corteo: “Licenziamo Burlando e Doria”

next