Sono rimasti feriti in sette a causa di una fuoriuscita di vapore e liquido da un forno dell’acciaieria Nunki Steel Spa di San Giorgio a Nogaro, in provincia di Udine. Gli operai stavano effettuando una colata quando, intorno alle 22.30, una perdita di acqua del circuito di raffreddamento, probabilmente dovuta a un guasto dell’impianto, è finita nel forno. La reazione ha provocato un’esplosione e lo spruzzo di gas e scorie che ha colpito gli uomini che stavano lavorando intorno all’apparecchio. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco.

I sette uomini, investiti da un getto di vapore e qualche scoria di materiale sono stati trasportati negli ospedali di Latisana e Palmanova, ma nessuno di loro  si trova in centri grandi ustionati proprio perché le ferite riportate non sono state giudicate gravi. L’azienda, intanto, già prima dell’arrivo dei vigili del fuoco, ha messo l’impianto in sicurezza per evitare ulteriori pericoli, con conseguenze più gravi. Ora sono in corso gli accertamenti per capire le cause dell’incidente che, per la dinamica, ricorda quello delle acciaierie ThyssenKrupp di Torino dove, nel 2007, persero la vita sette operai a causa della fuoriuscita di olio bollente che, a contatto con l’altoforno, causò un’esplosione che investì gli uomini. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, protesta facchini del Caat: scontri con polizia. Commerciante muore d’infarto

prev
Articolo Successivo

Vertice Asem Milano, Renzi accoglie premier cinese. Bloccate due Femen

next