Fra il 2003 e il 2012 le imprese sociali in Italia sono passate da 8500 e 17600 unità mentre gli addetti del settore sono arrivati a più di 400.000. Numeri raddoppiati nel corso di dieci anni: nonostante il saldo occupazionale per il 2014 sia previsto in calo (-0,8%) resta comunque un risultato migliore delle aspettative che riguardano il complesso dell’imprenditoria italiana (-1,5%). Questo quanto emerge dall’indagine Excelsior sul settore, presentata nel corso delle Giornate di Bertinoro per l’economia civile promosse dall’Aiccon (Associazione Italiana per la promozione della Cultura della Cooperazione e e del Non Profit).

Ottimismo, dunque, nei confronti del futuro: 31.550 le assunzioni previste per il 2014, a fronte di 35.24o uscite. In particolare, ad assumere saranno le imprese con fatturato in aumento e quelle votate all’innovazione (che hanno realizzato innovazioni di prodotti/servizi nel 2013).

Cosa si intende per imprese sociali?  Si tratta di organizzazioni private che esercitano un’attività economica organizzata al fine della produzione e dello scambio di beni e servizi di rilievo etico e sociale. Questo tipo di impreso operano nei servizi socio-assistenziali, sanitari, formativi, nei servizi per l’infanzia, culturali e ricreativi.

Quali sono le professionalità maggiormente impiegate in questo settore?  In particolare, figure dalle competenze di alto livello, con elevato grado di competenza e esperienza: su di loro si punta maggiormente per sostenere la crescita. Tende invece a diminuire il numero degli operai (3% del totale), mentre il gruppo più forte resta quello delle figure intermedie (50% del totale): il 60% delle assunzioni previste per il 2014 saranno rivolte a persone in possesso di laurea o diploma.

Tra i segnali positivi lanciati da questa tipologia di imprese, c’è il tentativo di andare incontro ad alcune categorie di lavoratori: in quest’ottica, oltre la metà delle assunzioni previste per il 2014 saranno in part-time (a fronte di una media nazionale del 26%) e la domanda di lavoratori immigrati si mantiene più alta – seppure in diminuizione – rispetto agli altri settori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coming out day: quando le parole creano civiltà

next
Articolo Successivo

Traghetti: Acheoraparte? Un sito per i pendolari del golfo di Napoli

next