Maglietta attillata, luci rosse, barba tagliata e una donna vestita “all’occidentale” che accanto a lui lo abbraccia. È quanto si vede in una foto che ritrarrebbe l’autoproclamatosi Califfo dello Stato Islamico, Abu Bakr al-Baghdadi, in un night club. Lo scatto sta diventando virale sui principali social network e risalirebbe al 2000. Pronta la smentita dello Stato Islamico. “L’uomo fotografato in un night club abbracciato a una donna non è il Califfo Abu Bakr al-Baghdadi, ma un famoso musicistagiordano“. È quanto dichiara l’Isis, cercando di mettere a tacere il polverone suscitato dalla foto circolata via web. Lo stesso emiro al-Baghdadi commenta sul suo profilo Twitter la foto che lo ritrarrebbe in abiti civili, dicendo ai suoi fedeli di “ignorarla” perché “falsa”: “Non ho alcuna idea di chi sia quella persona”, chiude il discorso il Califfo.

Come riferisce il sito della tv araba Al-Arabiya, i miliziani dell’Isis hanno diffuso le immagini del musicista giordano per confermare che non si tratta del loro numero uno, ma solo di un uomo che gli somiglia. Prima di questa presunta immagine, l’ultima fotografia di al-Baghdadi circolata su Internet è di più di due mesi fa, quando lo scorso luglio il capo dell’autoproclamatosi Stato Islamico è comparso in un video. Abiti neri e turbante, il leader musulmano lo luglio scorso è comparso per la prima volta in pubblico ordinando ai fedeli musulmani di obbedirgli. Nel video, infatti, al-Baghdadi interviene nel sermone e assiste alla preghiera islamica nella Moschea di Mosul, in Siria. Da allora, nessun altra immagine del leader è più stata pubblicata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Hong Kong, il leader dei dimostranti sfida Pechino: spalle voltate alla bandiera cinese

prev
Articolo Successivo

Isis assedia Kobane al confine turco. Ankara: “Possibile intervento di terra”

next