Prima sembrava volesse scaricarla, adesso invece il governatore della Sicilia Rosario Crocetta presenta addirittura una legge per finanziare la fiction sul commissario Montalbano. “Il nostro ddl – spiega ai cronisti nella conferenza stampa convocata a Palazzo d’Orleans – intende valorizzare le grandi produzioni seriali che si fanno in Sicilia, che vengano girate per più della metà sull’isola, che abbiano grande valore letterario e quindi siano classificabili come beni immateriali della Regione Siciliana”. Il ddl, presentato dopo che il produttore Carlo Degli Esposti aveva minacciato di andare a girare la fiction su Montalbano in Puglia, prende proprio il cognome del commissario partorito dalla penna di Andrea Camilleri. Il ddl Montalbano va così ad aggiungersi all’attività della Film Commission regionale che finanzia film e produzioni. “Noi – spiega Crocetta – ogni anno abbiamo un bando sul cinema che però è fatto per piccole e medie produzioni. Ma riteniamo che eventi come quello di Montalbano debbano andare avanti con provvedimenti di finanziamento diversi”. Il governatore ha anche ripercorso il contenzioso ancora aperto tra la Regione e la Rai, dopo il flop della soap opera Agrodolce (Rai3). “Abbiamo ancor in corso il conflitto con la Rai in relazione al fallimento di Agrodolce: aspettiamo ancora 25 milioni di euro. Noi – continua – abbiamo iniziato la procedura di recupero di quei fondi, tra l’altro c’è anche un’inchiesta penale: dovevano costruire un centro di produzione in Sicilia che in realtà non si è mai fatto. Spero che la nuova direzione Rai faccia giustizia”  di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

House of Cards, al via la seconda stagione della serie preferita da Obama

next
Articolo Successivo

Simona Ventura si racconta: “Mai scesa a compromessi. Sono una donna realizzata”

next