Prima sembrava volesse scaricarla, adesso invece il governatore della Sicilia Rosario Crocetta presenta addirittura una legge per finanziare la fiction sul commissario Montalbano. “Il nostro ddl – spiega ai cronisti nella conferenza stampa convocata a Palazzo d’Orleans – intende valorizzare le grandi produzioni seriali che si fanno in Sicilia, che vengano girate per più della metà sull’isola, che abbiano grande valore letterario e quindi siano classificabili come beni immateriali della Regione Siciliana”. Il ddl, presentato dopo che il produttore Carlo Degli Esposti aveva minacciato di andare a girare la fiction su Montalbano in Puglia, prende proprio il cognome del commissario partorito dalla penna di Andrea Camilleri. Il ddl Montalbano va così ad aggiungersi all’attività della Film Commission regionale che finanzia film e produzioni. “Noi – spiega Crocetta – ogni anno abbiamo un bando sul cinema che però è fatto per piccole e medie produzioni. Ma riteniamo che eventi come quello di Montalbano debbano andare avanti con provvedimenti di finanziamento diversi”. Il governatore ha anche ripercorso il contenzioso ancora aperto tra la Regione e la Rai, dopo il flop della soap opera Agrodolce (Rai3). “Abbiamo ancor in corso il conflitto con la Rai in relazione al fallimento di Agrodolce: aspettiamo ancora 25 milioni di euro. Noi – continua – abbiamo iniziato la procedura di recupero di quei fondi, tra l’altro c’è anche un’inchiesta penale: dovevano costruire un centro di produzione in Sicilia che in realtà non si è mai fatto. Spero che la nuova direzione Rai faccia giustizia”  di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

House of Cards, al via la seconda stagione della serie preferita da Obama

prev
Articolo Successivo

Dimartedì, Crozza-Bersani: “Ma Renzi tutta ‘sta gnocca nel Pd l’ha trovata su twitter?”

next