In un messaggio pubblicato sul suo profilo Facebook Nicolas Sarkozy annuncia ufficialmente il suo ritorno in campo e la candidatura alla presidenza dell’Ump, il grande partito francese della destra. Il quotidiano Le Parisien aveva già annunciato che l’ex presidente avrebbe “diffuso la sua candidatura alla presidenza durante un intervento” in programma domenica 21 settembre al telegiornale delle 20 su France 2Tra le prime dichiarazioni dell’ex presidente francese dopo l’ufficializzazione della sua candidatura, una frecciatina nei confronti del suo successore all’Eliseo, François Hollande. Secondo il settimanale Le Point, che nel numero di questa settimana dedica un lungo dossier all’ex capo dello Stato, Sarkozy avrebbe detto di Hollande che “finirà impeciato e impiumato”. E ancora: “Quel tipo non ha mai detto la verità. Ormai lo sanno tutti, i francesi scopriranno di essere stati beffati. E non glielo perdoneranno”. 

“Amo troppo la Francia, sono troppo appassionato dal dibattito pubblico e dall’avvenire dei miei connazionali per vederli condannati a scegliere tra l’esasperante spettacolo di oggi e la prospettiva di un isolamento senza via d’uscita”, continua l’ex presidente francese nel messaggio pubblicato su Facebook per annunciare il suo ritorno in campo. “Restare spettatore della situazione in cui si trova la Francia sarebbe stata una forma di abbandono – scrive Sarkozy sul social network – Conosco le difficoltà che ci attendono. Ma la sfida è talmente importante e le prospettive talmente esaltanti, che ai miei occhi ogni ostacolo appare irrisorio – conclude l’ex inquilino dell’Eliseo, aggiungendo – che ognuno sia convinto della forza e della sincerità del mio impegno al servizio della Francia”

Secondo Le Parisien Nicolas Sarkozy, che intende dunque tornare nel vivo della vita politica francese dopo oltre due anni di assenza, prevede anche un primo comizio a metà della prossima settimana, probabilmente mercoledì nella regione di Lille, nel nord del Paese. Il congresso dell’Ump è chiamato a votare per il nuovo leader del partito il prossimo 29 novembre. Per ora, i soli candidati ad essersi già dichiarati ufficialmente sono Herve Mariton e Bruno Le Maire. E c’è da scommettere che Sarkozy non potrà fare a meno di sognare una rivincita sui socialisti nelle elezioni presidenziali del 2017.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum Scozia, dopo la sconfitta Alex Salmond si dimette da primo ministro

next
Articolo Successivo

Isis, nuovo video. Minacce a Usa e Siria. Prigioniero: “Assad, ci scavi la tomba”

next