Tra spillamenti di birra, cori studenteschi, applausi scroscianti e selfie rasserenanti, i ministri di governo si sono presentati ieri al primo giorno di scuola in gran parte delle regioni italiane. Via, quindi, al carosello sgargiante delle istituzioni per dare il bentornato agli studenti: da Matteo Renzi, in visita all’Istituto “Don Giuseppe Puglisi” di Brancaccio, a Palermo, a Maria Elena Boschi e a Dario Franceschini, fino a Marianna Madia, Roberta Pinotti, Stefania Giannini, disinvolta e sorridente tra pinte di succo di luppolo all’’Istituto tecnico agrario Emilio Sereni di Roma. Particolare sprint è stato profuso anche dal ministro alle Infrastrutture e Trasporti Maurizio Lupi, che è tornato nella scuola elementare milanese che frequentò negli anni ’60. E qui ha allietato i bimbi con i suoi ricordi, tra i quali spiccava quello della sua maestra. Purtroppo non si è capito bene il nome dell’insegnante  di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consulta, Pd e Fi ci riprovano con Violante-Bruno. Protesta M5S: “Da noi voto palese”

prev
Articolo Successivo

Emilia, Di Maio (M5s): ‘Indagati non si candidano. I principi più delle persone’

next