L’annuncio era atteso da tempo perché un veicolo costruito dall’uomo per la prima volta si poserà su una cometa. È stato scelto il sito sul quale in novembre si poserà il piccolo lander Philae, che per dieci anni ha viaggiato con la sonda Rosetta: è bene illuminato e il migliore per scoprire i segreti delle comete ed è stato indicato con la lettera J. 

La notizia dell’identificazione del sito, data oggi dal quartier generale dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) a Parigi, segna un’altra tappa fondamentale di una missione senza precedenti dopo che il 6 agosto scorso la sonda era entrata in contatto con la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenkoai

Il sito J si trova sul lobo più piccolo della cometa dalla forma bizzarra ed è stato selezionato dagli esperti dell’Esa fra i cinque siti individuati a fine agosto. “Il sito J è riscaldato dal Sole ed è una delle aree nelle quali la cometa è più attiva”, ha detto all’Ansa il responsabile delle operazioni di Rosetta per l’Esa, Andrea Accomazzo. “Dobbiamo prevedere dei rischi – ha aggiunto – perché i gas emessi dalla cometa potrebbero spostare il satellite”. La scommessa, ha aggiunto, è quindi riuscire a fare tutti i calcoli per rilasciare il lander Philae nel posto giusto al momento giusto. Al momento la data prevista per l’atterraggio è fra il 10 e l’11 novembre, ma sarà confermata solo fra il 14 e il 15 ottobre, dopo ulteriori verifiche della traiettoria. 

Attualmente Rosetta si trova a 30 chilometri dalla cometa e in settimana si deciderà un’ulteriore manovra di avvicinamento a 20 chilometri; il 6 ottobre si vedrà se Rosetta potrà arrivare a 10 chilometri dalla cometa, come chiedono i responsabili degli strumenti scientifici a bordo della sonda. Di questi, molti sono nati in Italia, come lo spettrometro Virtis (Visual InfraRed and Thermal Imaging Spectrometer), di cui è responsabile Fabrizio Capaccioni, dell’Istituto nazionale di Astrofisica (Inaf); Giada (Grain impact analyser and dust accumulator), di cui è responsabile Alessandra Rotundi, dell’università Parthenope, e la camera a grande campo (Wac) che fa parte dello strumento Osiris (Optical, Spectrocopic and Infrared Remote Imaging System), messa a punto da Cesare Barbieri, dell’università di Padova. Importante il coinvolgimento dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e dell’industria, con la Thales Alenia Space (Thales-Finmeccanica) e la Finmeccanica Selex ES. Entusiasta il presidente dell’Asi, Roberto Battiston, per il quale la missione Rosetta segna “un punto di svolta nelle attività di esplorazione dell’universo”. Il presidente dell’Inaf, Fabrizio Bignami, è “emozionato al pensiero di essere parte di questo importante momento della storia umana”.

Foto: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cancro,“uso quotidiano di aspirina potrebbe prevenire rischio tumori”

next
Articolo Successivo

Scienza e cultura: in marcia per un’ambiziosa politica della ricerca

next