Secondo l’economista Kenneth Rogoff il problema principale dell’Italia è la corruzione. Lo spiega al Corriere della Sera, lo fa con chiarezza, con una risposta secca a chi lo intervista dal forum di Cernobbio. Ma per scoprirlo bisogna scorrere fino a metà della terza colonna. Nella titolazione e nell’impaginazione dell’intervista, infatti, non c’è traccia della parola corruzione: non c’è nel titolo, non c’è nell’occhiello, non c’è nel catenaccio. C’è solo in un inciso di una infografica dal titolo “I nodi del sistema” dove si riassume il pensiero dell’economista di Harvard. “Tra le fragilità dell’Italia – si legge in questo piccolo riquadro – l’economista Kenneth Rogoff ha indicato, oltre alla corruzione, il sistema di governance e l’incapacità di adattarsi a un mondo che cambia: le aziende familiari, ha detto, non riescono ad adeguarsi all’economia globale e per questo hanno bisogno di crescere”.

Eppure le parole di Rogoff erano state chiare. Alla prima domanda (“Perché salva l’Italia visto che il suo debito pubblico sfiora il 136% del Pil?”) l’economista risponde che “il problema del debito è legato alla vulnerabilità dell’indebitamento privato: e le famiglie italiane sono poco indebitate”. E su questo si è deciso di titolare l’articolo. Ma la seconda domanda, quasi chirurgica, (“Qual è il primo problema italiano”) porta Rogoff a rispondere in maniera ancora più chiara: “La corruzione”. Due parole, senza troppo sviluppare il discorso che poi prosegue sul “sistema di governance e l’incapacità di adattarsi a un mondo che cambia”. Ma niente, nel resto della titolazione della pagina del Corriere non c’è traccia. Come se ormai fosse quasi sottinteso. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facebook, Morandi mania: 1 milione di fan con autoscatti e “belle notizie”

prev
Articolo Successivo

Renzi, selfie su Twitter subito cancellato. Ma la foto gira sui social network

next