Un turista di 78 anni è stato denunciato per lesioni personali e per aver scatenato il panico su un volo in atterraggio a Rimini, e quindi per la violazione delle norme sulla sicurezza aerea. È successo domenica 24 agosto su un volo della Luxair, atterrato al “Federico Fellini” di Rimini e proveniente dal Lussemburgo.

A bordo dell’aereo, poco prima dell’arrivo nello scalo romagnolo, il 78enne ha iniziato a dare in escandescenze, rifiutando di sedersi al proprio posto e allacciarsi le cinture di sicurezza. Quando le hostess hanno cercato di riportarlo alla calma, il 78enne si è ribellato con calci e pugni tanto da costringere il comandante ad autorizzare fascette di plastica per immobilizzare il passeggero. L’aereo è atterrato regolarmente alle 14.45 ma, ai piedi della scaletta, il turista ha trovato ad attenderlo la polizia di Frontiera che lo ha preso in consegna e portato nell’infermeria dell’aeroporto. Il personale del 118 gli ha praticato un’iniezione calmante. Medicate anche le due hostess del volo ferite a morsi e graffi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ravenna si candida capitale Ue sport 2016. Ma la serie A di volley non ha il palazzetto

prev
Articolo Successivo

Riforma della scuola: bastano poche mosse, perché il governo non le fa?

next