“Notte di San Lorenzo, notte dei desideri“. Con questa iniziativa gli occupanti del Teatro Valle a Roma hanno celebrato la loro ultima notte nell’edificio, dopo tre anni di occupazione. Valigie e scatoloni in mano, inizia il trasloco. “Finisce una fase, ma ne inizia un’altra: si è aperto uno spiraglio da parte delle istituzioni per concepire una nuova gestione partecipata e bisogna cogliere questa opportunità“, afferma Ilenia, attrice e occupante storica dello spazio. “Questa non è stata una semplice occupazione, ma una pratica politica e civile. Abbiamo permesso a questo teatro di vivere – spiega ancora la lavoratrice dello spettacolo – di essere concepito come uno spazio aperto per la città, la trattativa con il Comune non è una questione privata, ma pubblica” . Oggi con una conferenza stampa saluteranno il passaggio dello spazio al Teatro di Roma. Non mancano le paure tra gli occupanti. Questi tre anni verranno dimenticati? Le istituzioni manterranno le promesse o cancelleranno questa esperienza dalla memoria? “Questa è la nostra scommessa, questa battaglia non si ferma oggi, va avanti” prosegue Ilenia. “Quando abbiamo occupato questo teatro stavo pensando di andar via dall’Italia, poi mi sono detta che questo progetto è un motivo per rimanere, per costruire una pratica politica nuova e penso ne sia valsa la pena – afferma ancora – in ogni lotta per i diritti si è sfidata l’asticella della legalità per innalzarla”  di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monza, ordinanza anti-accattoni. Caritas: “Siamo contro i poveri di professione”

next
Articolo Successivo

Alfano: “Stanchi di orde di vu cumprà sulle spiagge”. E fa infuriare Caritas e Pd

next