Sono ancora circa 3mila i bagagli accumulati a Fiumicino a causa dello stato di agitazione del personale di assistenza a terra Alitalia, da inviare a destinazione per restituirli ai proprietari. Se non ci saranno ulteriori criticità, la previsione è che possano essere tutti smaltiti entro domenica. Tuttavia bisogna tener conto che si è in presenza di un fine settimana con punte di traffico passeggeri elevate e per il quale l’attenzione operativa resta comunque assai alta.

I bagagli destinati a Germania e Sicilia saranno spediti in tir, mentre il resto delle valigie in giacenza verrà spedito in aereo verso destinazioni di tutto il network Alitalia. Nell’hangar Avio 3, non c’è più la notevole presenza di accumuli di colli sui carrellini all’esterno, sui piazzali, come nei giorni scorsi: tutte le giacenze sono concentrate all’interno ed i bagagli, compresi quelli delle compagnie assistite sono stati divisi secondo le varie destinazioni.

Venerdì era stato scongiurato il pericolo dell’arrivo in massa di certificati di malattia che avrebbe potuto paralizzare lo scalo romano e la guardia è rimasta alta, ma anche sabato mattina non risultavano criticità, seppure i lavoratori dell’assistenza a terra Alitalia abbiano proseguito nell’applicazione, alla regola, del contratto di lavoro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Carte di credito, in Italia meno frodi che nel resto del mondo, ma crescono quelle su internet

prev
Articolo Successivo

Fiat, “se fusione salta nessun impatto sui rapporti con Chrysler o sul debito”

next