La riforma del Senato si avvia verso la prima approvazione finale. L’aula di Palazzo Madama vota sì agli articoli del ddl Boschi che cambiano il quorum necessario per l’elezione del Presidente della Repubblica: dopo le maggioranze qualificate dei primi otto scrutini, sarà sufficiente il 50% più uno dei voti. “Un abominio – attacca il senatore Sergio Puglia del M5S, che come i suoi compagni di partito, ha deciso per protesta di non partecipare alla discussione – con la legge elettorale concepita da Renzi e Berlusconi, un solo partito sceglierà il capo dello Stato, i giudici della Corte Costituzionale e del Consiglio Superiore della Magistratura. Stanno distruggendo a colpi di tweet quello che i nostri padri costituenti hanno costruito con il sangue”. “I cittadini dopo i primi scrutini vogliono il nome del Presidente – dice il senatore Francesco Russo del Pd – il meccanismo ha sempre ben funzionato, poi sta alla politica scegliere una figura in grado di garantire la terzietà”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pisa, Renzi torna “lupetto” al raduno nazionale scout. “Salvo cataclismi ci sarà”

prev
Articolo Successivo

Twitter: Gasparri insulta Mogherini “Una colf europea in Cile”

next