Ha cercato per 35 anni suo nipote Guido, nato in un centro clandestino di detenzione durante la dittatura militare di Videla, che ha governato l’Argentina per sette anni dal 1976. E dopo decenni di lotta instancabile e militanza ostinata Estela de Carlotto, presidente delle Nonne di Plaza de Mayo e una delle più note militanti per i diritti umani nel Paese sudamericano, ha potuto finalmente ritrovarlo.

Responsabile da anni dell’organizzazione delle “Nonne” (“abuelas”), che si occupa di rintracciare i bambini prelevati ai genitori “desaparecidos” – una pratica comune nel corso degli anni bui della repressione militare, durante i quali oltre 500 neonati sono stati tolti dopo il parto alle proprie madri rapite, per essere successivamente consegnati ad altri – ora Carlotto ha 83 anni. Suo figlio minore, che si chiama anche lui Guido, ha detto che suo nipote “si è presentato volontariamente: aveva dei dubbi e ha voluto farsi fare la prova del Dna“.

Ora è un uomo di 36 anni, che fa il musicista e vive ad Olavarria, nella provincia di Buenos Aires, con la moglie e i figli: nonna Estela è infatti anche bisnonna. Guido è nato il 26 giugno 1978 in un centro clandestino di detenzione di La Plata, capitale della provincia di Buenos Aires, dove la madre Laura – militante della gioventù peronista – era stata rinchiusa dopo il suo sequestro. La ragazza era incinta di tre mesi, ed è riuscita a far sapere alla madre che era viva e che se suo figlio fosse stato maschio lo avrebbe chiamato Guido, come il padre.

E’ a causa della vicenda di sua figlia Laura che Estela de Carlotto, che fino ad allora era una maestra elementare senza alcun impegno politico, ha dedicato la sua vita alla militanza per i diritti umani, concentrandosi sulla ricerca dei bambini dei desaparecidos. Due mesi dopo la nascita del nipotino, nell’agosto del 1978, i militari l’hanno convocata per consegnarle il cadavere della figlia – “quasi un privilegio”, ha raccontato lei anni dopo – uccisa con una raffica di mitra sparata alle spalle. Da allora la nonna è diventata una nonna militante. E 35 anni dopo, la sua ricerca, come quella dei parenti di altri 110 bambini sequestrati ai desaparecidos, si è finalmente conclusa. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gaza, il report: ‘Non c’è posto per seppellire morti: corpi tenuti nei freezer per i gelati’

prev
Articolo Successivo

Gaza, ok Israele-Palestinesi per prolungare la tregua. Ma Hamas nega l’intesa

next