I figli di genitori stranieri nati in Italia sono 608.623, e rispetto al censimento del 2001 sono aumentati del 282,6%. E’ quanto rileva l’Istat nel 15° Censimento popolazione 2011, negli approfondimenti su nuclei familiari, migrazioni interne e internazionali e acquisizioni di cittadinanza. La maggioranza di loro sono europei (41,4%), soprattutto provenienti dall’area centro-orientale, quasi un terzo sono africani, gli asiatici sono il 22% e il 5,5% ha la cittadinanza di un paese americano

Gli stranieri residenti nati all’estero, invece, sono 3.419.004, rileva l’Istat. Oltre la metà ha cittadinanza europea, il 19,2% africana, il 17% asiatica e l’8,6% americana. La maggioranza dei cittadini europei e americani sono donne, in particolare il 40% della presenza femminile straniera proviene dalla Romania (22,9%), dall’Albania (9,5%) e dall’Ucraina (7,5%). Al contrario, per l’Africa e l’Asia la componente maschile è numericamente prevalente. Quasi la metà dei residenti nati all’estero si è trasferito in Italia prima del 2002, circa un quarto è giunto in Italia tra il 2002 e il 2006 “e la quota più consistente (23,4%) -sottolinea l’Istituto nazionale di statistica- è concentrata nel triennio tra il 2007 e il 2009, quando dalla Romania e dalla Bulgaria, entrati a far parte dell’Unione europea (36%), sono entrati in Italia consistenti contingenti di stranieri neocomunitari”.

Dallo studio sulle famiglie l’Istat rileva che i nuclei familiari con almeno un migrante residente sono 1.160.101: rispetto al censimento del 2001 sono aumentati 164%. In più della metà dei casi le famiglie sono costituite da coppie straniere i cui partner hanno la stessa cittadinanza. Le coppie ‘miste’, cioè composte da un componente italiano e uno straniero, rappresentano in totale il 27,6%. A differenza del passato censimento, che registrava un sostanziale bilanciamento tra le coppie miste e le coppie straniere, nel 2011 si evidenzia la prevalenza delle coppie straniere. 

I migranti che hanno acquisito la cittadinanza italiana sono 607 mila e per circa i due terzi sono di sesso femminile. Coerentemente con i dati sui residenti, la maggior parte dei migranti europei che acquistano la cittadinanza sono donne, mentre gli africani naturalizzati sono prevalentemente uomini. In questo caso, rileva l’Istat, in una buona parte dei casi la naturalizzazione è dovuta alla cittadinanza conferita ai figli nati in Italia o al matrimonio con donne italiane. Sul totale dei nuovi cittadini, quasi la metà proviene dal vecchio continente, in particolare dai paesi dell’Unione europea, e poco più di un quarto arriva dall’America centro-meridionale (23,7%). Il 16% degli acquisiti ha la cittadinanza africana: il Marocco rappresenta la comunità più ‘naturalizzata’ con il 6,7% del totale. Al contrario, soltanto il 7,5% degli asiatici ha ottenuto la cittadinanza italiana, e principalmente si tratta di indiani (1,3%), filippini (0,9%) e cinesi (0,7%).

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vacanze low cost per famiglie: alloggi e promozioni per chi viaggia coi figli

next
Articolo Successivo

Multiculturalità: Suq2014, più intercultura in Europa. Reale, virtuale, virale

next