Lo scontro tra Mosca e Kiev sugli autori dell’abbattimento nell’est dell’Ucraina dell’aereo della Malaysia Airlines si gioca anche sul web. Un software automatico per monitorare i cambiamenti apportati da siti governativi a Wikipedia ha scoperto che la voce sul volo MH17 abbattuto due giorni fa è stata modificata a partire da indirizzi internet appartenenti al governo russo. Secondo quanto riporta il quotidiano britannico The Telegraph, il testo in russo che nella versione originale accusava “terroristi dell’autoproclamata repubblica popolare del Donetsk” di aver “abbattuto con un missile Buk” il Boeing 777 malese, dopo la modifica diceva semplicemente che l’aereo era stato “abbattuto da soldati ucraini”. Il cambiamento sarebbe stato fatto da un computer situato a Kiev negli uffici della tv di stato russa Vgtrk.

Il ‘Twitter Bot‘ che ha scoperto la modifica si chiama “RuGovEdits“. Ogni volta che rileva un cambiamento fatto su Wikipedia a partire da computer che usano indirizzi internet governativi russi, manda automaticamente un tweet di segnalazione. Programmi simili sono in funzione anche per gli Usa e il Regno Unito. Anche se nessuno di questi ‘bot’ può arrivare a individuare l’autore materiale dei cambiamenti, il loro funzionamento è comunque automatico e assicura una copertura 24/7 in totale autonomia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siria, i jihadisti dello Stato islamico attaccano giacimento di gas: 270 morti

prev
Articolo Successivo

Mali, il canto delle dune

next