Tra le tante statistiche dei Mondiali in Brasile 2014, ce n’è una particolarmente curiosa: nessuna squadra, dagli ottavi in poi, è riuscita a vincere due volte di fila ai calci di rigore. E’ il caso della Costa Rica, vincitrice negli ottavi contro la Grecia e poi perdente nei quarti contro l’Olanda; ed è il caso proprio degli Oranje, che dopo il successo contro i centroamericani targato Tim Krul si sono dovuti arrendere dagli undici metri all’Argentina. Eccezione che conferma la regola è il Brasile, che però dopo la vittoria sul Cile non è più arrivata ai tiri dagli undici metri.

E’ una sorta di “maledizione dei calci di rigore-bis“: prima ti esaltano, poi ti affossano. La statistica è curiosamente confermata anche dal fatto che la Grecia, eliminata agli ottavi di finale dalla Costa Rica, era riuscita ad approdare alla fase ad eliminazione diretta proprio grazie ad un calcio di rigore all’ultimo minuto dell’ultima gara del girone contro la Costa d’Avorio, il penalty del 2-1 realizzato da Giorgos Samaras. In realtà si tratta di una “regola aurea” che si è sempre confermata negli ultimi sei Mondiali: l’ultima squadra a vincere due gare di fila nella fase ad eliminazione diretta dal dischetto fu nel 1990 proprio l’Argentina, che nei quarti s’impose sulla Jugoslavia e in semifinale contro l’Italia. Ma guardacaso poi perse in finale contro la Germania. E indovinate come? Per colpa di un rigore, realizzato da Andy Brehme! E allora attenzione, Messi e compagni: se in finale andrete ai rigori contro la Germania, è probabile che finisca male.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014: Sergio Romero, da flop alla Sampdoria a eroe dell’Argentina

prev
Articolo Successivo

Mondiali, Rihanna: “Che figo Romero”. Moglie: “Se vinciamo te lo presto”

next