Un controllo mafioso del territorio. Parlano a una voce i residenti del rione romano incastonato fra le vie Prenestina e Casilina, un tempo regno della movida, ma da un anno terra di nessuno dove decine di spacciatori la fanno da padroni come se quelle strade fossero roba loro. E le intimidazioni dei pusher contro i residenti, stufi di essere ostaggio dello spaccio, non si contano. L’ultima, in ordine temporale, contro l’ex parlamentare di Rifondazione comunista Vladimir Luxuria, rea di avere detto basta al degrado del quartiere in cui vive da quasi trent’anni. Questo episodio, assieme a tanti altri, ha convinto le forze dell’ordine a far scattare una maxi-operazione il 2 e 3 luglio: 21 arresti, e un chilo di coca sequestrato. Ma i cittadini del Pigneto sono scettici e parlano di “blitz spettacolo” dopo il quale tutto tornerà come prima  di Lorenzo Galeazzi e Tommaso Rodano 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ingegnere scomparso in Libia, la Farnesina conferma: “E’ stato rapito”

prev
Articolo Successivo

Larino, “i detenuti mafiosi non vanno a messa dopo la scomunica del Papa”

next