Questa mattina alla periferia di Perugia un carrozziere di 31 anni ha sparato contro l’ex compagna 24enne, il figlio di 2 e un’amica di lei, poi ha tentato il suicidio. Si tratta solo dell’ultimo di una lunga serie di episodi e fatti di cronaca che vedono come vittime le donne. Nel 2013, infatti, i femminicidi in Italia sono 128, con un’età compresa tra i 15 e gli 89 anni, tutte uccise per mano dei loro mariti, compagni, figli o nipoti. A fornire i dati è Telefono Rosa, che nella ricerca “Le voci segrete della violenza 2013” ha anche evidenziato uno spostamento dell’età media delle vittime, con un aumento della fascia di età tra 45 e 54, passata dal 25% del 2012 al 28% del 2013, anche se – rileva la ricerca – per la prima volta in sette anni si registrano 15 vittime di età inferiore ai 15 anni. Inoltre, le donne straniere si imbattono nella violenza prima delle italiane: 2 donne su 3 hanno un’età compresa tra 25 e 44 anni (il 31% ha tra i 25 e i 34 anni e il 35% ha tra i 35 e i 44 anni). Aumenta anche l’età media dei carnefici: il segmento di violenti di età superiore ai 55 anni (il 17% ha tra i 55 e i 64 anni e il 10% oltre i 65 anni) passa infatti dal 22% del 2012 al 27% di quest’anno.

I dati della ricerca di Telefono Rosa hanno inoltre sfatato il pregiudizio che lega l’insorgere della violenza all’arretratezza culturale: il 21% delle donne vittime di femminicidio è laureata e un ulteriore 53% ha un diploma. L’indipendenza economica resta un fattore fondamentale di affrancamento dal contesto violento. Lo conferma l’ampia quota di vittime disoccupate (19%), inferiore solo a quella delle impiegate tra le italiane (23%) e a quella delle colf/badanti tra le straniere (27%). Coerentemente con l’aumento dell’età media delle vittime, aumenta rispetto agli anni scorsi anche la quota di pensionate. Per quanto riguarda i carnefici, il 64% ha un grado d’istruzione medio-alto: il 44% è diplomato e il 20% laureato. In molti casi la violenza si nasconde anche tra quanti avrebbero il compito di soccorrere le vittime di violenza: infermieri, vigili, medici, forze dell’ordine. Le posizioni professionali più rappresentate dai violenti sono gli impiegati, anche di alto livello (17%), gli operai (16%) e i liberi professionisti (13%). 
Ma anche nel 2014 sono già numerosi gli episodi di violenza sulle donne registrati; solo nel mese di giugno, infatti, se ne contano tre. il 17 giugno scorso, infatti, un uomo ha ucciso la moglie a colpi di piccone; lo stesso giorno a Pietra Ligure una donna è stata uccisa a calci e pugni dal suo convivente. Due giorni prima Cristina Omes, e i suoi figli di 4 anni e 20 mesi, Giulia e Gabriele, sono stati uccisi con un coltello da Carlo Lissi, marito e padre delle vittime, nella loro abitazione di Motta Visconti. Dietro il triplice omicidio, ha confessato l’uomo, c’era una passione non corrisposta per una collega e il senso di oppressione che gli dava la famiglia. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carceri, un decreto libera gli stalker. Il ministero: “Presto un emendamento”

next
Articolo Successivo

Siria, le europee che sposano i jihadisti. “Matrimoni via chat prima di partire”

next