“La trattativa deve chiudersi entro la prossima settimana“. Così il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi dopo un incontro con i sindacati confederali e il ministro del Lavoro Giuliano Poletti sulla questione Alitalia. “Gli esuberi sono i famosi 2.251 – continua il ministro – nel corso delle trattative fra governo, sindacati e azienda verificheremo il numero delle ricollocazioni”. La frenata del presidente del consiglio di gestione di Intesa San Paolo, Gian Maria Gros-Pietro (“Senza l’ok dei sindacati nessun finanziamento”) trova d’accordo il ministro. “Ha detto una cosa giusta, ognuno – spiega Lupi – si assuma le sue responsabilità. L’accordo si chiude se ognuno fa la propria parte”. “Noi siamo stati chiari – afferma il segretario generale della Cgil Susanna Camusso – abbiamo detto con nettezza che non si può avere un’altra vicenda in Italia che si traduce in migliaia di esuberi”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alitalia, Camusso: “Non esiste prendere o lasciare”. Bonanni: “Dare una prospettiva”

prev
Articolo Successivo

Scontro Bundesbank-Italia, Bassanini: ‘Serve ruolo più incisivo in UE per crescita’

next