Di Maria, Messi e il palo della porta di Romero. Questo il tridente d’attacco che ha permesso all’Argentina di battere la Svizzera dopo 120′ e qualificarsi ai quarti di finale di Brasile 2014. Al termine di una partita soffertissima, addirittura epica negli ultimi minuti del secondo tempo supplementare. A regalare il passaggio del turno alla Seleccion di Sabella è un super gol al 118′ di Di Maria, servito da una magia di Messi. I rossocrociati di Hitzfeld recriminano per due occasioni fallite nel primo tempo e, soprattutto, per un incredibile palo colpito da Dzemaili che avrebbe portato la sfida ai rigori.

LE PAGELLE

Di Maria 7,5 Nei 90 minuti macina chilometri ma è poco incisivo (si veda alla voce rabona inutile al posto di crossare col destro). Nei supplementari, invece, diventa più concreto ed è uno dei pochi con la riserva di energie. Condisce il tutto con la perla che manda l’Argentina ai quarti

Lichtsteiner 5,5 Partita pressoché perfetta, forse manca un po’ in fase di spinta. Ma la palla persa al 118′ che concede gas a Messi e manda in estasi l’Argentina pesa come un macigno sulla sua valutazione

Messi 7 Continua a sembrare l’unico che può accendere la luce lì davanti. Stavolta non segna, ma ci va vicino con un paio di sassate mancine. E al 118′ va in fuga per la vittoria, concedendo a Di Maria la palla per volare verso la gloria

Dzemaili 5 Il voto sembrerà ingeneroso, visto che entra solo al 113′. Ma al minuto 121 ha l’appuntamento con la storia e lo fallisce clamorosamente: colpo di testa sul palo, palla che gli rimbalza addosso in maniera beffarda e finisce fuori. Il calcio a volte sa essere spietato

Higuain 5 Un pesce fuor d’acqua. Il modulo di Sabella e la presenza di un Messi accentratore lo limitano: non tocca una palla in 120 minuti, solo un colpo di testa da bomber vero su cui Benaglio si dimostra un gatto. Pipita, sei proprio sicuro di voler andare al Barcellona?

Shaqiri 7 Conferma il suo immenso talento con dribbling ubriacanti e tanti palloni invitanti scodellati in mezzo. Peccato che davanti ci sia Drmic e che anche gli altri compagni non trovino la via della rete

IL TABELLINO

ARGENTINA-SVIZZERA 1-0
MARCATORE: 118′ Di Maria (A).
ARGENTINA (4-3-3): Romero 6; Fernandez 5,5, Garay 6, Rojo 7 (105′ Basanta 6), Di Maria 7,5; Gago 5 (106′ Biglia 6), Mascherano 7, Zabaleta 6,5; Higuain 5, Lavezzi 5,5 (74′ Palacio 6), Messi 7. A disp.:  Andujar, Orion, Campagnaro, Demichelis, Alvarez, Perez, Rodriguez. All.: Sabella 6.
SVIZZERA (4-2-3-1): Benaglio 7; Djourou 7, Lichtsteiner 5,5, Rodriguez 7, Schar 6,5; Behrami 7, Inler 6,5; Shaqiri 7, Xhaka 5 (66′ Fernandes 6), Drmic 5 (82′ Seferovic 6); Mehmedi 6,5 (113′ Dzemaili 5). A disp.:  Burki, Sommer, Senderos, Ziegler, Barnetta, Stocker. All.: Hitzfeld 7.
ARBITRO: Jonas Eriksson.
NOTE: Ammoniti: Di Maria, Garay, Rojo (A), Fernandes, Xhaka (S).
Angoli: 11-4. Rec.:  pt 2′, st 6′.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ottavi finale mondiali 2014, Olanda: torneo finito per il milanista De Jong

prev
Articolo Successivo

Ottavi finale mondiali 2014: Belgio-Stati Uniti 2-1, tabellino e pagelle

next