“Io sono sempre stato per il rispetto del voto dato dalla base, questo è il principio della democrazia. Ho una certa ritrosia alle logiche del commissariamento che danno titolarità a soggetti che non hanno un riconoscimento”. Parole chiare quelle del presidente della Figc, Giancarlo Abete, al termine della riunione del Consiglio Federale  dove sono state ratificate le sue dimissioni da numero uno della Federcalcio. Abete, ai microfoni dei giornalisti, ha commentato anche i suoi rapporti con il Comitato Olimpico: “Tutti sanno che, al di là dei rapporti personali, non c’è condivisione da parte mia di alcune politiche sportive portate avanti. E’ risaputo che io scelsi un altro candidato (rispetto a Malagò, ndr), ma non è per questo. Ritengo che sia faticoso migliorare le situazioni delle federazioni sportive evidenziandone solo le criticità, non tenendo conto dei percorsi fatti in maniera lineare”. “Ora – aggiunge – devo gestire al meglio la situazione fino all’11 agosto. Non è mia abitudine abbandonare la nave. Cercheremo di lavorare sui temi di nostra competenza, come l’iscrizione ai campionati”. Abete risponde, poi, anche a una domanda su Ciro Esposito. “Da quello che si legge – dice – sembra che il responsabile della sua morte sia io. Evito di commentare in questa sede. Lo farò in altre sedi e mi fermo qua”  video di Mauro Episcopo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Libri: ‘Il maledetto United’ di Peace, una favola inglese

prev
Articolo Successivo

Italia, il nuovo ct sarà low-cost: possibili Zaccheroni o Guidolin al posto di Prandelli

next