La rassegna nata 24 anni fa e nella quale Legambiente premia le eccellenze del made in Italy in fatto di olio extravergine e vino, quest’anno si rinnova. ”Per far fronte alla crisi – ha detto Angelo Gentili, responsabile per il turismo di Legambiente – abbiamo inserito il riconoscimento al vino con il miglior rapporto qualità-prezzo, che non premia solo la qualità ma anche la possibilità di rapportarsi con il mercato”.

Nel Centro per lo sviluppo sostenibile di Legambiente, a Rispescia (una frazione di Grosseto) sono state assegnate 48 targhe (da questo link si accede ai due elenchi completi dei vincitori): sono infatti 20 i vini biologici del Bel Paese che hanno ottenuto il riconoscimento nazionale come migliori prodotti italiani, e 28 invece gli oli extravergine di oliva. Da Nord a Sud, la selezione ha toccato le eccellenze enogastronomiche italiane nei due settori, a cui sono state dedicate rispettivamente la Rassegna oli nazionali extravergine e la Rassegna vini nazionali bio.

Si tratta di produzioni di qualità e a marchio che rappresentano per Legambiente “il primo criterio di selezione, e di garanzia, per un prodotto che rappresenti la bellezza del nostro paese nel settore enogastronomico”, ha aggiunto Gentili. Gli extravergine sono stati valutati attraverso una “degustazione alla cieca” da un panel di esperti che hanno decretato i 28 prodotti di altissima qualità suddivisi nelle tre sezioni extravergine convenzionale (11esima edizione), extravergine Dop e Igp (12esima edizione) e extravergine biologico (la categoria più longeva, con ben 18 edizioni), e in altrettante sottosezioni per ciascuna. Accanto al premio per il vino con il miglior rapporto qualità-prezzo, altri riconoscimenti speciali: Fedeltà, Innovazione e New entry. Le 20 etichette – scelte fra vini bianchi, rossi giovani, rossi affinati, vini da dessert, spumanti e vini autoctoni – sono state scelte da una commissione esaminatrice presieduta da Giancarlo Scalabrelli, docente di Viticoltura al dipartimento di Scienze Agrarie Alimentari dell’Università di Pisa.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Calcio balilla: piccolo, ma per piedi buoni

next
Articolo Successivo

COOKaBIKE, il cuoco in bicicletta dal Friuli all’Estonia

next