La Spagna si veste a lutto. Per l’ultima gara del Girone B contro l’Australia i campioni del mondo in carica, già sicuri dell’eliminazione, indosseranno la seconda divisa completamente nera, con inserti gialli sulle spalle e sui fianchi: secondo i media iberici è un modo per manifestare il proprio dispiacere per una Coppa del Mondo finita troppo presto. L’obiettivo degli uomini di Del Bosque è evitare di essere la peggior Spagna di sempre ai Mondiali.

La Roja infatti non ha mai chiuso a quota zero in un girone, addirittura non ha mai chiuso senza una vittoria. Anche la tragicomica spedizione di Francia 98′ (indimenticabile la papera di Zubizarreta su Oliseh per il 3-2 finale in favore della Nigeria nella gara d’esordio) si chiuse con un netto ma inutile 6-1 in favore degli uomini di Javier Clemente contro la disastrata Bulgaria. E sembra quantomeno un paradosso che questa Spagna, una delle squadre più forti di tutti i tempi, possa raggiungere il peggior risultato ad un Mondiale nella storia del Paese: sarebbe un’onta difficile da cancellare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014, Varela salva il Portogallo al 95′: Stati Uniti costretti al pari

prev
Articolo Successivo

Italia – Uruguay 2014, Luis Suarez: “Italia? E’ forte, ma ha carenze difensive”

next