Nessun gol, tanta fatica e una botta che farà fatica a dimenticare. Partita da dimenticare per Thomas Muller quella contro il Ghana. L’attaccante della Germania, rimasto a secco dopo la tripletta rifilata al Portogallo, ha terminato la gara con il volto insanguinato dopo uno scontro aereo con il difensore ghanese John Boye.

Al 93′, nell’ultimo assalto dei tedeschi alla ricerca del gol vittoria, il numero 13 della Germania è andato a saltare su un traversone di Kroos ma ha colpito con il volto la spalla di Boye, rimediando un taglio al sopracciglio sinistro. Il match è terminato subito dopo sul 2-2 e Muller ha lasciato il campo tamponando la ferita con una benda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014, Klose da record: agganciato Ronaldo in vetta alla classifica dei goleador mundial

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014: la Nigeria c’è. Eliminata la Bosnia di Pjanic e Dzeko

next