Due partite, un punto: è questo il misero bilancio mundial della Russia di Fabio Capello, a un passo dall’eliminazione dal torneo brasiliano dopo la sconfitta subita contro il Belgio nei minuti finali di un match in cui gli uomini del tecnico di Pieris hanno dimostrato di poter lottare per la vittoria. Lo stesso tecnico italiano, a fine gara, commenta con un pizzico di amarezza la prestazione dei suoi uomini: “Abbiamo avuto per due volte l’occasione di segnare, ma il calcio è così. Abbiamo giocato meglio del Belgio, ma loro hanno segnato”.

Nonostante il ko difficile da digerire, ora la Russia deve concentrarsi sulla prossima partita che sarà decisiva: “La squadra ha giocato in modo veloce e con energia, sono deluso per come è andata. Adesso pensiamo all’Algeria e poi tireremo le somme”.

Nessuna accusa nei confronti dell’arbitro Brych che non ha concesso un rigore solare alla Russia: “Non mi piace parlare del direttore di gara, può aver sbagliato ma anche noi abbiamo commesso errori. Dobbiamo accettarli”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014: Belgio-Russia 1-0, tabellino e pagelle

prev
Articolo Successivo

Coppa del mondo 2014, Vidal lancia il suo Cile: “Possiamo arrivare in finale”

next