Anche l’antico Pastificio Lucio Garofalo, tra i principali produttori italiani di pasta di alta qualità, passa in mani straniere. E, in particolare, in mani spagnole. Nonostante le smentite delle scorse settimane, l’azienda campana ha siglato un accordo preliminare che sancisce la vendita del 52 per cento del capitale a Ebro Foods, multinazionale iberica quotata alla Borsa di Madrid che opera nei settori del riso, della pasta e dei condimenti. Lo ha annunciato la stessa Garofalo precisando che la chiusura dell’accordo è attesa entro la fine di giugno e che l’investimento a carico del gruppo spagnolo sarà di circa 62 milioni di euro

Pasta Garofalo è una realtà imprenditoriale dalla storia ultra centenaria che, dopo una serie di riassetti proprietari,  è controllata dal 1997 dalla famiglia Menna, che era presente nel capitale sociale già dal 1952. Dal 2002 si è concentrata sulla produzione per il segmento di pasta “alta qualità” ed è passata da circa 30 milioni di euro di fatturato nel 2002 a oltre 134 milioni di euro nel 2013. L’azienda, precisa la nota che ha annunciato l’operazione, ha riconosciuto in Ebro Foods “un partner industriale con cui crescere sulla base di una visione comune”, che prevede, tra l’altro, “di mantenere salda l’identità dell’azienda e del prodotto, che devono i propri tratti distintivi e differenzianti alla dirigenza, alle maestranze, nonché al sito produttivo”. Lo sviluppo, promette poi il gruppo campano, continuerà ad essere guidato dal quartier generale di Gragnano.

L’ingresso del gruppo Ebro nel capitale della Lucio Garofalo S.p.A., ha poi commentato l’amministratore delegato Massimo Menna, “ci dà la possibilità di consolidare il successo della nostra pasta nel mondo” grazie all’esperienza e al know how internazionale della multinazionale spagnola. L’ad parla di un’operazione che “rappresenta un valore per il sistema Italia e non va erroneamente letta come ‘un pezzo di Italia che se ne va”. 

Non la pensa così la Coldiretti che nota come “il valore dei marchi storici dell’agroalimentare italiano passati in mani straniere dall’inizio della crisi  supera i 10 miliardi“. Siamo di fronte, continua federazione, “a una escalation della presenza spagnola in Italia con il passaggio del 25 per cento Riso Scotti nelle mani della stessa multinazionale alimentare iberica Ebro Food, dopo che il Gruppo Agroalimen di Barcellona (Gallina Blanca) era salito al 75 per cento nella proprietà di Star, mentre già nel 2011 la Fiorucci salumi era stata acquisita dalla Campofrio food holding”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Centro Studi Confindustria: “In 12 anni persi 120mila fabbriche e 1 milione di addetti”

prev
Articolo Successivo

Corte dei Conti: “Nel 2013 spesa sanitaria sotto attese a 109 miliardi di euro”

next