L’importante è creare lavoro. Non importa per che cosa. In Italia sono le opere sedicenti pubbliche, le grandi manifestazioni, le autostrade. In Australia anche massacrare canguri. Questa una delle motivazioni con cui nel 2012 il Ministro della Sostenibilità e dell’Ambiente varò un piano quinquennale di abbattimento dei marsupiali con abbattimenti definiti  “economicamente sostenibili grazie ad un settore in costante crescita che crea nuovi posti di lavoro” (!). La motivazione quindi principale è muovere l’economia, anche perché la Commissione Governativa che sovrintende alla ipotetica proliferazione della specie afferma che non esistono prove certe che la sovrappopolazione causi danni permanenti alla vegetazione.

Uccidere canguri non crea lavoro solo fra coloro che li abbattono (circa mille cacciatori), ma anche nell’industria della carne e delle pelletterie. La pelle di canguro è considerata molto pregiata, anche se in realtà è anche molto delicata e deperisce in fretta.

Non mi definisco un animalista in senso stretto, ma questa mattanza mi inorridisce, non solo per le motivazioni che la sostengono, ma anche per i metodi adottati. I canguri possono essere abbattuti non solo col fucile, ma anche con mazze e ganci. I cuccioli portati nel marsupio, dopo l’abbattimento della madre, devono essere eliminati con un colpo in testa o la decapitazione. Mi domando: se proprio è necessario intervenire perché non si procede con sterilizzazioni mirate? Ah, già, ma così non si crea lavoro. Dimenticavo.

Dall’inizio della strage legalizzata più di due milioni di canguri sono stati sterminati. È notizia di questi giorni che adesso anche nelle riserve naturali intorno a Canberra 1600 canguri verranno abbattuti. Chi ama i canguri (ma c’è qualcuno che non li ama?) può firmare la petizione on-line dell’associazione Animals Australia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Campania, fondatore di Legambiente ed ex assessore condannato da Corte dei Conti

prev
Articolo Successivo

Alimenti, il suicidio dell’olio extra vergine d’oliva

next