In Italia, spesso, si grida al complotto. Ma, a smontare alcune delle più note tesi complottiste, arriva il libro di Massimo Teodori e Massimo Bordin, “Complotto! Come i politici ci ingannano” (edito da Marsilio), presentato nella sala cinema di Palazzo delle Esposizioni a Roma. Una controstoria che rivede vicende passate come il piano Gelli, il golpe Borghese, fino a quelle più recenti come il processo sulla trattativa Stato-mafia. “Tutte balle. La politica, quando fallisce, invoca sempre i complotti che non sono tali. E più degrada e più invoca forze oscure e misteriose per giustificare il proprio fallimento” afferma l’autore Teodori che aggiunge: “Berlusconi è vittima di un complotto, Grillo è un complottista e oggetto di complotti a sua volta. Di esempi recenti ce ne sono molti, questa logica domina l’attuale campagna elettorale”. “I complotti esistono ma – afferma Peter Gomez, direttore de ilfattoquotidiano.it – non sono quelli descritti sui giornali. Il M5s per esempio traduce per il pubblico un bisogno di trasparenza delle istituzioni. E’ vero che la Trilateral e il Bilderberg sono centri di potere, ma vedere come complotti alleanze più o meno losche è sbagliato e riduttivo in una democrazia”  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europee, i Verdi: “L’Expo non si deve fermare, ma cancellare opere inutili”

prev
Articolo Successivo

FI, Razzi: “Berlusconi poteva fare benissimo il Papa, ha studiato ‘nei’ Salesiani”

next