Magro incasso per la Fondazione Carige che ha concluso la cessione di 238,24 milioni di azioni ordinarie della banca ligure, corrispondente a circa il 10,96% del capitale sociale, al prezzo di 0,40 euro per titolo, attraverso la procedura dell’accelerated bookbuilding rivolta agli investitori istituzionali, dopo che le offerte raccolte dai consulenti non erano state ritenute soddisfacenti. Così, però, non è andata benissimo, visto che l’ente ha incassato complessivamente 95,2 milioni perché il collocamento è stato inferiore al previsto, sia per quantità sia per prezzo: la Fondazione progettava di vendere un pacchetto di 326,2 milioni azioni ordinarie, pari al 15% del capitale della banca, a un minimo di 0,43 euro l’una per un controvalore superiore ai 163 milioni di euro. Dura la reazione della Borsa, con il titolo Banca Carige che a Piazza Affari ha ceduto il 17,33% a 0,41 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tasi, Fassino (Anci): “Proroga della prima rata: si pagherà entro il 16 ottobre”

prev
Articolo Successivo

Banche europee, via libera al fondo di salvataggio previsto dall’Unione bancaria

next