Matteo Renzi ha avuto “eccessivo tempo di parola” nei telegiornali. L’Agcom torna a bacchettare alcune testate televisive che avrebbero riservato troppo spazio agli interventi del presidente del Consiglio. La7, Skytg24, Tg3 e Rainews sono le quattro testate richiamate dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e dovranno riequilibrare gli spazi televisivi per par condicio, in vista delle elezioni europee del prossimo 25 maggio. Il Tg3 e il TgLa7 sono stati richiamati anche per lo scarso spazio lasciato al Nuovo Centrodestra.

Dunque, come si legge nella nota ufficiale, “dall’analisi dei dati sono emerse alcune criticità riguardanti la parità di trattamento tra i soggetti politici e istituzionali e sono stati adottati, dopo un articolato dibattito nel quale sono emerse anche posizioni diversificate, alcuni provvedimenti”. I dati relativi al monitoraggio del pluralismo politico in televisione sono relativi al periodo 10-16 maggio, ma sono anche in relazione all’intero periodo coperto da par condicio 5 aprile-16 maggio. Il Consiglio ha anche disposto l’archiviazione degli esposti presentati dal Nuovo Centro Destra e dal Movimento 5 Stelle

Il telegiornale di Enrico Mentana era già stato ripreso dall’Autorità nel periodo 5-18 aprile, ma il giornalista aveva ribattuto: “Per insipienza dell’Agcom è stata inserita nel computo del tg la conferenza stampa di Renzi e non l’analogo tempo dato a Luigi Di Maio e Paolo Romani in serata con un ascolto superiore. E’ insensato, il tg non è una farmacia”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sky, prelievo forzoso per assumere i precari: vince il sì in assemblea

prev
Articolo Successivo

Grillo a Porta a Porta, Vespa lo mette KO. Ma è lo stesso Bruno degli ultimi vent’anni?

next