In pensione dal 2002, 10mila euro netti al mese, ma da allora ricopre incarichi pubblici. Andrea Monorchio, Ragioniere generale dello Stato dal 1989 al 2002. Un solo uomo e una ventina di incarichi tra onorari e direttivi. Dal 2002 è andato in pensione, ma è diventato anche presidente di Consap, spa interamente nelle mani del ministero dell’Economia, con uno stipendio, aggiornato al 2013, da 219 mila euro all’anno. I vertici sono in scadenza, ma fino alle nuove nomine Monorchio resta al suo posto. Nel 2012 Monorchio ha dichiarato 1.292.413 euro. Nel 2013, rivela l’Espresso, invece, ha dichiarato 1.603.000 milioni di euro. Eccolo nel servizio andato in onda ieri a ‘La Gabbia’ (La7)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai, limite compensi a 240mila euro Dirigenti riducono proprio stipendio

next
Articolo Successivo

Announo, “A chi la banana?”. Riguarda tutti i video della seconda puntata

next