“Non ritengo debba offendermi per le parole di Silvio Berlusconi“. Risponde così Amedeo Matacena, l’ex deputato di Forza Italia e latitante a Dubai a seguito della condanna definitiva a 5 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa, collegato via Skype, nei cui confronti è stato emesso un mandato di cattura dal gip di Reggio Calabria. “Ritengo umanamente possibile che – spiega Matacena – Berlusconi non si ricordi di me, ma eravamo insieme nella nave della Grimaldi per la campagna elettorale di Forza Italia. Ho conosciuto anche la signora Rosa (la madre di Berlusconi, ndr). Non sono latitante come dicono i magistrati -aggiunge – ma sono in attesa del procedimento di estradizione. Sono stato trattato peggio di Bettino Craxi. Se vedessi Scajola – conclude Matacena – lo abbraccerei”  di Lucio Musolino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo 2015, Grillo: “Unica soluzione fermare tutto. Come gioco quattro cantoni”

next
Articolo Successivo

DL Lavoro, Poletti: ‘Buona legge, non aumenta precarietà’. Rizzetto (M5s): ‘Non è vero’

next