“Rimarremo qui a oltranza. Non abbiamo più bisogno di rassicurazioni, ma di impegni. I malati gravi tornano in presidio sotto il ministero dell’Economia a Roma per chiedere subito lo sblocco del fondo per la non autosufficienza, mentre 40 di loro sono in sciopero della fame. “E’ stata un’importante conquista – spiega Mariangela Lamanna dell’Associazione 16 novembre – quella che abbiamo ottenuto nel 2013 dopo la morte del nostro consigliere direttivo Raffaele Pennacchio, deceduto dopo 36 ore di presidio permanente. Adesso lungaggini e intoppi burocratici impediscono l’erogazione di questi fondi”. “Io vivo con una pensione di invalidità di 270 euro e mio marito che mi assiste è un esodato – dice una signora affetta da Sla – anche poche centinaia di euro in più al mese per noi sarebbero importanti”. “Questi ritardi pesano sui malati. In questa situazione ci viene voglia di farla finita. Questa è una eutanasia di Stato” chiosa un altro in sciopero della fame da 24 ore  di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pedofilia, ok della Camera a mozioni su contrasto abusi sessuali su Internet

next
Articolo Successivo

Lombardia, ok a sostegno per genitori separati o divorziati. Escluse coppie di fatto

next